"Sogno di una notte di mezza sbornia"

Lo spettacolo che andrà in scena venerdì 27 novembre alle ore 20.30 al Teatro Il Piccolo di Napoli sarà molto di più che un’occasione per riscoprire “Sogno di una notte di mezza sbornia”, un grande classico di Eduardo De Filippo:
la serata infatti sarà dedicata alle adolescenti vittime di abbandono, maltrattamenti e abusi familiari ospiti della Comunità Imparando a Volare, uno dei progetti portati avanti nel capoluogo partenopeo dalla Cooperativa sociale E.T.I.C.A.

Grazie alla collaborazione con l’Associazione Artistica Gli ignoti, il ricavato delle donazioni raccolte durante l’evento sarà devoluto a sostegno delle sei adolescenti ospiti della comunità, giovani tra i 13 e i 18 anni allontanate ad opera del Tribunale per i Minori da un nucleo familiare fortemente problematico per ricostruire la propria vita in uno spazio tutelato.


Lo spettacolo
Sogno di una notte di mezza sbornia è una commedia teatrale che il grande Eduardo scrisse nel 1936 traendola molto liberamente da un’opera di Athos Setti, rivisitando la farsa e quel teatro umoristico per i quali, in quei lontani anni Trenta, i fratelli De Filippo (Eduardo, Peppino, Titina) andavano famosi. Questo testo rivela l’ironia feroce, la corda pazza, il riso spesso venato di tristezza, lo humour nero, la sottile “cattiveria” e il disincanto verso l’uomo mai solo ma immerso, nel bene e nel male, nella società che lo circonda. Sogno di una notte di mezza sbornia racconta di Pasquale, un poveraccio dal gomito facile, capo di una famiglia squinternata – moglie bisbetica, sempre inviperita, figlio incapace, figlia bruttina assai, difficile da sposare -, pochi soldi in casa e una grande passione per la bisboccia. Ma racconta anche l’ossessione per il gioco del lotto, la superstizione che spesso gli è legata, condita di sogni e di credenze popolari.

La cooperativa
E.T.I.C.A. è una Cooperativa sociale composta da educatrici, operatrici socio assistenziali, assistenti sociali e psicologhe che da 16 anni si impegna sul territorio di Napoli per contrastare l’abbandono, il maltrattamento e l’abuso di adolescenti con vissuti difficili. Questo gruppo di professionisti offre attività educative e di accoglienza per minori e giovani donne, gestendo due servizi residenziali in pieno contesto urbano:
Imparando a Volare, una comunità alloggio che accoglie sei ragazze dai 13 ai 18 anni vittime di maltrattamenti e abusi (allontanate dai nuclei familiari con decreto del Tribunale per i Minorenni) e
L’altra metà del cielo, un gruppo appartamento per donne dai 18 ai 21 anni che, nell’impossibilità di rientrare nel nucleo familiare d’origine, accettano di essere sostenute nel percorso verso l’autonomia e l’indipendenza.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • San Carlo tra Opera, Concerti e Danza: il programma della stagione 2019 - 2020

    • dal 11 dicembre 2019 al 18 novembre 2020
    • Teatro San Carlo
  • Speciale tour alla scoperta del "Ventre di Napoli"

    • dal 27 novembre 2019 al 31 dicembre 2020
    • Punto d'incontro "Dolce e Amaro Caffè"
  • Estate a Napoli 2020 tra Musica, Teatro, Danza e Mostre: tutti gli eventi in programma

    • dal 15 luglio al 31 ottobre 2020
    • in più luoghi della città
  • "I luoghi di Napoli: Magie e Incanti", 10 appuntamenti gratuiti tra parole e musica

    • Gratis
    • dal 20 luglio al 8 ottobre 2020
    • Diversi luoghi suggestivi di Napoli
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    NapoliToday è in caricamento