Rievocazione storica del gran premio di Napoli

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Un amore che dura da diciannove anni: è quello che lega il Classic Car Club Napoli, il sodalizio partenopeo federato ASI (Automoto Storico Italiano), leader nazionale, fra i più autorevoli nel settore del collezionismo di vetture d'epoca, pluripremiato con il prestigioso riconoscimento de "La Manovella d'Oro", alla splendida avventura del "Gran Premio di Napoli - Circuito di Posillipo", una delle epopee motoristiche più affascinanti di tutti i tempi.

Difatti il 1° maggio, al Virgiliano, esattamente lungo il percorso della mitica corsa, avrà luogo la "XIX Rievocazione Storica del GP di Napoli" che ebbe appunto come scenario la collina di Posillipo.

Saranno oltre 100 le vetture al via, per ripercorrere ancora una volta i fasti di una leggenda "made in Naples". Protagonisti tutti i Marchi più significativi dell'automotive mondiale del '900, dagli anni '20 agli anni '90, ed in primo piano, come sempre, le Ferrari, con esemplari eccellenti di ogni pagina della Casa di Maranello, a cui il Classic Car riserva la speciale sezione Ferrasi. Attese inoltre allo start alcune auto che hanno preso realmente parte alla corsa.

La "Rievocazione Storica del Gran Premio di Napoli" è un appuntamento imperdibile per chi ama le vetture "d'antan" ma non solo, in quanto saranno presenti anche modelli della più recente produzione motoristica. Fra le "veteran", una Lancia Artena del 1934 ma la gloria Lancia sarà illustrata anche da tanti altri esemplari del Marchio torinese, accanto a numerosi gioielli Alfa Romeo e Fiat nonché Maserati, ed imponente sarà anche la presenza delle inglesi Jaguar, Triumph, MG e Austin Healey, delle tedesche Porsche, Volkswagen, Mercedes, BMW, dell'americana Ford, ed immancabile, sul circuito che la vide correre negli anni del Gran Premio di Napoli, la Taraschi Urania 750 Sport del 1949 della prima donna pilota di Formula 1, la grande napoletana Maria Teresa de Filippis.

Le creature a quattro ruote, ma la manifestazione è aperta anche alle due ruote, saranno in mostra statica lungo Viale Virgiliano, a Capo Posillipo, a partire dalle 10.00 di domenica 1° maggio, per poi accendere i motori, alle 12.00, e sfidarsi in una prova di abilità a cronometro, su strada chiusa al traffico, valida come secondo round del Campionato Sociale 2016 Classic Car. Al termine della competizione, gli equipaggi si ritroveranno presso la Tenuta Cigliano dove si svolgerà il pranzo, nel corso del quale avverrà la premiazione, con assegnazione di punti in tutte le categorie in cui le auto vengono regolarmente distribuite in base all'anzianità.

Nel presentare la "XIX Rievocazione Storica del Gran Premio di Napoli", che gode dell'interesse dell'Amministrazione Comunale, rappresentata dall'Assessore allo Sport e Decoro Urbano Ciro Borriello, il presidente del Classic Car Club Napoli, Giuseppe Cannella, ha dichiarato: "Per il Classic Car Club Napoli, la "Rievocazione Storica del Gran Premio di Napoli" è qualcosa di assolutamente speciale, per la gioia di celebrare una gara che ha reso alla nostra città, e a tutta la Campania, onori e prestigio ma anche perché sancisce, da ben 19 anni, il nostro attaccamento al territorio nel quale questa manifestazione ha radici profonde, tali da risvegliare ricordi molto belli e suscitare commozione in chiunque viene a rivivere con noi, ogni 1° maggio, emozioni indimenticabili da trasmettere come valori culturali e sportivi alle nuove generazioni".

Torna su
NapoliToday è in caricamento