Programma del “Gran Galà della Moda con gli amici Unicef per i bambini del Nepal”

Questo lo scopo del “Gran Galà della Moda con gli amici Unicef per i bambini del Nepal”, che avrà luogo questo sabato, 26 settembre, alle ore 19.30, nella cornice della Cappella Palatina della Reggia di Caserta.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Una serata interamente dedicata alla beneficenza verso chi è meno fortunato di molti di noi. E vive all'altro capo del mondo. Questo lo scopo del "Gran Galà della Moda con gli amici Unicef per i bambini del Nepal", che avrà luogo questo sabato, 26 settembre, alle ore 19.30, nella cornice della Cappella Palatina della Reggia di Caserta. Ai partecipanti all'evento è richiesto un contributo di venticinque euro. L'Unicef promuoverà la vendita di bracciali realizzati a mano. L'offerta richiesta, in questo caso, è di venti euro. Saranno poi battute all'asta tre "pigotte", il cui abbigliamento sarà curato, per ciascuna bambola, da uno dei tre stilisti presenti all'evento: Carlo Alberto Terranova, Miglionico Michele, Nunzio Russo. Ci sarà una sorpresa per tutti i tifosi del Napoli. Come annunciato infatti dal dott. Mimmo Pesce, presidente Provinciale Unicef, sarà possibile partecipare a una speciale asta per accaparrarsi le maglie dei giocatori che hanno reso grande il Napoli nelle recenti stagioni. Si potranno portare via le divise azzurre di Cavani, Lavezzi e altri calciatori. Il ricavato sarà interamente devoluto ai bambini del Nepal.

"Questa manifestazione è stata sostenuta- ha affermato Rosa Praticò, presidente Confcommercio Imprese per l'Italia della città di Volla, Event Planner e presidente della "Officina delle Idee"- da sponsor tecnici importanti. E Rosa Praticò non ha toccato soldi".

Gli ha fatto eco Mimmo Pesce: "Noi non vogliamo solo beneficenza. Vogliamo amore. Forse in tanti non lo sanno, ma la Campania è stata nominata capitale morale della solidarietà. Far diventare di moda la solidarietà è la nostra mission".

È intervenuto poi Giuseppe D'Anna, vicario Giovani Imprenditori della Provincia di Napoli, ricordando la triste vicenda di Aylan, il piccolo di tre anni il cui corpicino senza vita è stato ritrovato sulla riva del mare, in Turchia. "Credo che la foto diffusa sui social e gli organi di stampa abbia colpito tutti. Il nostro dovere è impegnarci affinché tutti i bambini possano avere un futuro. Alla manifestazione di sabato parteciperemo in tanti, ma il punto è un altro: abbiamo il dovere di dare il nostro contributo".

Il presidente di FederModa Napoli, Giuseppe Giancristofaro, ha invece posto l'accento sulla tragedia che ha sconvolto il Nepal appena pochi mesi fa, il 25 aprile. Un terremoto che è costato la vita a migliaia di persone.

"Il significato di questa kermesse è anche quello di mantenere viva la memoria sul terribile disastro avvenuto in Nepal".

Torna su
NapoliToday è in caricamento