Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cinema e Diritti umani. Torna a Napoli il Festival internazionale

 

Tra le contraddizioni di un’Europa divisa e ferocemente arroccata nei suoi confini e di un Mediterraneo solcato da barche piene di disperati fuggiaschi, “Mari, muri e filo spinato” prova a rilanciare l’idea di una nuova solidarietà con le immagini e le parole del IX Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli.

Dal 6 all’11 novembre, vivremo una settimana di incontri e di racconti attorno al fuoco delle idee di libertà ed uguaglianza, sul palcoscenico di un cinema-teatro nascosto nel cuore della città antica o nelle aule degli Atenei più prestigiosi, nelle stanze di una fabbrica dismessa o nella solitudine di una delle carceri più grandi d’Italia, sempre in compagnia di giovani studenti e di attivisti, a fianco dei registi, dei giornalisti e dei testimoni che finalmente si sentono a casa, tra gente che ha qualcosa da raccontare o da denunciare. Questo è stato ed è ancora il nostro Festival.

Ci sarà spazio per voci di migranti e di donne che sognano nuove vite (venerdì 10), ma anche per chi è rinchiuso in un braccio del penitenziario napoletano di Poggioreale e chiede più attenzione, più vita, anche dietro le sbarre; prenderanno forma i fantasmi degli ospedali psichiatrici, ormai chiusi, attraverso le storie, i volti e le voci dei medici che avevano il compito di curarli e restituirli alle loro famiglie. Tenteremo di capire cosa si nasconde dietro la strage dei militari italiani colpiti dalle radiazioni dell’uranio impoverito e scopriremo che la tortura, che abbiamo raccontato in tanti film sudamericani, vive anche dietro le porte chiuse di casa nostra, delle nostre caserme mentre, attorno al nostro Paese, cresce ogni anno il numero dei conflitti e delle guerre generate dall’insopportabile divario economico tra le regioni del mondo, tra l’impegno di forze di pace che ricuciono gli strappi e le ferite.

Il fulcro dell’intera manifestazione, dall’esordio del 6 novembre fino alla conclusione di sabato 11, sarà lo spazio Comunale Piazza Forcella.E’ lì che ogni sera, dalle 17 fino alle 23, saranno di scena film, proiezioni, dibattiti (tutto ad ingresso gratuito).

Per il programma completo https://www.cinenapolidiritti.it

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento