rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Eventi

Premio di Letteratura Lce 2013, vince un napoletano

Francesco Mario Passaro si aggiudica la rassegna col racconto "Bevo le Lacrime", storia di un sequestro di persona. L'opera verrà inserita in un'antologia della casa editrice milanese Laura Capone Editore

Francesco Mario Passaro, avvocato napoletano 42enne, autore del romanzo d'esordio "Attesa di giudizio" (Iris 4 Edizioni), ha vinto il Premio Nazionale Letteratura Italiana Lce 2013 col racconto inedito "Bevo le lacrime". Il concorso è stato patrocinato dall'associazione culturale nazionale "Giovanna d'Arco".

L'opera vincitrice narra la storia di un giovane, Paolo, che decide di allontanarsi dal suo paese, Casal di Principe. Suo padre è un pericoloso boss della camorra. Atterra quindi in Colombia e viene accolto da zio Nando, il fratello del padre, collaboratore di giustizia in Italia, che possiede una fabbrica di caffè a Bogotà. Una sera però il ragazzo viene sequestrato da un gruppo di narcotrafficanti e comincia così il suo calvario. Paolo, durante la prigionia, si disseta con le sue lacrime, si nutre con cibo avariato, lottando nel frattempo una guerra personale contro antichi problemi esistenziali e familiari. Il racconto verrà inserito in un'antologia pubblicata dalla casa editrice milanese Laura Capone Editore.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio di Letteratura Lce 2013, vince un napoletano

NapoliToday è in caricamento