Oscar a "La grande bellezza", i complimenti di Caldoro

Per il presidente della Regione è stato il radicamento al territorio a spingere Sorrentino, Giuliano e Servillo alla statuetta. Per l'assessore Miraglia vittoria "riconoscimento alla scuola campana del cinema"

Stefano Caldoro

Dopo il premier Renzi ed il sindaco di Napoli de Magistris, anche il presidente della Campania Stefano Caldoro si complimenta per il successo di "La grande bellezza" agli Oscar. "Al regista Paolo Sorrentino, al protagonista Toni Servillo, ai produttori Nicola Giuliano e Francesca Cima, e alla coproduzione e distribuzione Medusa – questo il messaggio del governatore – le mie personali congratulazioni e quelle dei cittadini della Campania per lo straordinario successo conseguito nella notte degli Oscar".

"Siamo orgogliosi che Sorrentino, Giuliano e Servillo siano nati e si siano formati nella nostra città e nella nostra regione – prosegue il numero uno di Palazzo Santa Lucia – Un radicamento che li ha spinti in misura determinante alla conquista della statuetta".

"Il premio come miglior film straniero a – sottolinea inoltre l'assessore alla Promozione culturale Caterina Miraglia – è il riconoscimento della grande qualità della scuola campana del cinema. Agli artisti, che hanno saputo comunicare con naturalezza le proprie emozioni e il senso di una cultura secolare senza alcuna retorica, la gratitudine dei cittadini e delle istituzioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento