Eventi

La fiction su Troisi non si farà: c'è il no della famiglia

"La preparazione del film con Fabio Troiano interrotta a causa della forte contrarietà espressa dalla famiglia a più riprese". La sorella dell'attore scomparso: "Non vogliamo che Massimo venga massacrato"

Massimo Troisi

Addio al progetto di “Ricomincio da me”, il film tv su Massimo Troisi con Fabio Troiano. La fiction, prodotta dalla Taodue di Pietro Valsecchi, non si farà.

“La preparazione del film su Massimo è stata interrotta a causa della forte contrarietà espressa dalla famiglia a più riprese - ha dichiarato Valsecchi - Essendo Troisi un personaggio pubblico avremmo potuto portare comunque avanti il progetto, ma questo modo di agire è contrario al nostro modo di lavorare. Abbiamo tante volte raccontato personaggi realmente esistiti ma lo abbiamo sempre fatto con l’assenso dei familiari. Se in futuro dovessero concederci tale assenso riprenderemo a lavorare su questo film”.


A spiegare la posizione della famiglia Troisi ci ha pensato Rosaria, la sorella di Massimo, in una recente intervista a Repubblica. “Non vogliamo che Massimo venga massacrato, non si può difendere. Si è avviato questo progetto in fretta, ma va rispettato il suo spirito umano e artistico. Non sono contraria all'idea di una fiction in sé, ma così com'è non poteva andare. Abbiamo chiesto noi di visionare la sceneggiatura, l’abbiamo fatto attraverso mio nipote, che fa l'avvocato. L'abbiamo trovata, per dirla in maniera elegante, non corrispondente. Non ci abbiamo ritrovato Massimo. Quando finì la lavorazione del film Il Postino, salutò tutta la troupe dicendo: ‘Ricordatevi di me’. Per la famiglia è importante che sia ritratto col rispetto che merita. Gli hanno voluto bene in tanti non vogliamo che venga ‘tradito’ a vent' anni dalla morte”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La fiction su Troisi non si farà: c'è il no della famiglia

NapoliToday è in caricamento