“Alchemaya”: Max Gazzè in concerto a Napoli

“Sto lavorando con mio fratello Francesco e con il Maestro Clemente Ferrari. Sta uscendo fuori un gran bel lavoro, siamo davvero contenti. Sarà sicuramente qualcosa che mi darà molte soddisfazioni”, così Max Gazzè al debutto del suo prossimo tour dal titolo “Alchemaya”.

Mai fermo su se stesso, Max partirà ad aprile per la sua nuova avventura live, quello che appare il suo progetto artistico più innovativo, suonato con la famosa “Bohemian Symphony Orchestra” di Praga, composta da cinquanta strumentisti e diretta dal Maestro Clemente Ferrari.

Turista del mainstream, geneticamente “outsider”, artista mai convenzionale.  Rifiuta l’etichetta di divo del pop anche dopo le grandi soddisfazioni ottenute con l’ultimo disco “Maximilian” (Universal Music, uscito nel 2015) - il successo di vendite è stato premiato con la Certificazione Oro e con un doppio platino per il singolo “La vita com’è”; con un platino per “Ti sembra normale”, risultata la canzone italiana più trasmessa dalle radio, e con il lunghissimo tour (di 70 date solo nel 2016) che ha conquistato il mondo (dall’America al Giappone, alla Cina) e presenta la sua prima opera “esoterica”.

E così Max sfida se stesso e parte con un originale progetto live “sintonico”  che diventerà in un secondo momento un album - in cui mette insieme l’Orchestra sinfonica e i sintetizzatori.

“Alchimia è un termine che arriva dal greco e significa “fondere”, che è quello che accade con la combinazione fra i due mondi musicali di “Alchemaya” aggiunge Gazzè. Ma c’è di più: un vero e proprio “concept” che nasce dalla mia ricerca personale negli ultimi 20 anni su temi di storia, filosofia, fisica quantistica e dalla mia ricerca spirituale”.

Alchemaya sarà articolato in due parti: la prima presenta composizioni inedite dai connotati mistici e intimistici, dove i processi e i simboli alchemici avranno un significato materiale ma soprattutto contemplativo. I testi e i brani, scritti con il fratello Francesco, infatti, seguiranno un excursus che parte dalle origini, dalla creazione dell’uomo, per arrivare ad un percorso più introspettivo, all’ interno dell’uomo. Nel primo “atto” ci sarà la voce narrante di Ricky Tognazzi intervallata delle parti cantate e interpretate da Max. La seconda parte, cambierà registro proponendo un vero e proprio show live con alcuni dei successi discografici di Gazzè riarrangiati in versione “sintonica” di grande effetto.

Un’altra particolarità di questo spettacolo è che Max canterà (unicamente!) senza imbracciare l'inseparabile basso, contrariamente a come si è abituati a vederlo nella dimensione live.

Inoltre, un’ulteriore curiosità riguarda gli abiti di scena di Max, appositamente disegnati dal fashion designer Gianluca Saitto.

“Dietro a questo lavoro c’è una lunga e intensa preparazione tecnica, di composizione letteraria, musicale ed anche scenografica; l’opera sarà costituita di questi elementi”, cosi Gazzè sul suo profilo Facebook. “Mi fa piacere condividere attraverso i social questa preparazione perché penso sia un ottimo strumento anche per spiegare quello che sto facendo, senza “svelarlo” tutto adesso ovviamente”.

Il tour farà tappa a Napoli il 10 aprile, al Teatro San Carlo

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • A Capodimonte la mostra "Napoli, Napoli... di lava, porcellana e musica"

    • dal 22 settembre 2019 al 6 aprile 2021
    • Museo e Real Bosco di Capodimonte
  • Tour Napoli Celata: Dal Giardino segreto alla Chiesa del Re maledetto

    • dal 26 gennaio al 31 luglio 2021
    • Napoli
  • Trianon, tutti i concerti e gli spettacoli in programma per la stagione 2020/2021

    • dal 30 ottobre 2020 al 16 maggio 2021
    • Teatro Trianon Viviani
  • Gli Etruschi e il MANN: la grande mostra al Museo Archeologico di Napoli

    • dal 12 giugno 2020 al 31 maggio 2021
    • Mann- Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    NapoliToday è in caricamento