Luminarie d'artista per la Piedigrotta 2012

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Prende avvio oggi con la tradizionale accensione delle luminarie la versione 2012 della Piedigrotta seguita alle ore 22:00 dalla processione a Piedigrotta "Jamme a truvà Maria" con partenza dalla Chiesa della Torretta.
Quest'anno si tratta di luminarie d'autore: le installazioni portano infatti la firma di Riccardo Dalisi che ha realizzato le luminarie in Via Piedigrotta, Antonio Picardi autore del portale posizionato all'ingresso della Villa Comunale dal lato di Piazza Vittoria e Antonio Schito per il portale che illumina la Chiesa di Santa Maria.
Il progetto intitolato "Disegnare con la luce" a cura della designer di installazioni urbane Simona Perchiazzi rappresenta l'attualizzazione a livello stilistico ed estetico delle cifra tradizionale delle festa popolare rappresentata dalle classiche luminarie mediante la sensibilità e la creatività di artisti contemporanei. "Uno svecchiamento, precisa la Perchiazzi, che avviene però in modo dolce e graduale senza traumi nel rispetto del ricordo e della memoria storica".
Al centro della suggestiva installazione realizzata da Riccardo Dalisi è il tema dello sguardo, con due volti che si fronteggiano e si guardano reciprocamente e allo stesso tempo volgono la loro vista verso il mare, la cifra stilistica voluta è quella della leggerezza. "Lo sguardo- afferma il celebre architetto, designer e scultore - è un tema sempre a me molto caro. Attraverso lo sguardo il paesaggio circostante si materializza ed ecco che emergono le onde e una barchetta. Nello sgurado che si incanta è espressa tutta la bellezza della città di Napoli e del suo mare. Negli sguardi che si incontrano risiede anche la nascita dell'amore, tema sempre al centro della canzone partenopea così intimamente legata alla storia di Piedigrotta".
L'elemento naturale e floreale, reso essenziale e pulito, attraverso un lavoro di sottrazione ed essenzializzazione, è invece al centro del portale realizzato da Picardi che, con il suo stile liberty ben si posiziona all'ingresso della Villa Comunale.
Il lavoro di Schito, anch'esso un trait d'union tra tradizione e modernità, riprende la geometria della Chiesa di Santa Maria e suggerisce con le sue forme floreali il momento tradizionale della distribuzione dei fiori di carta.
Le luci colorate installate sui tradizionali pali di legno sono state realizzate completamente a mano e sono ecologiche, ricalcano infatti la forma delle lampadine tradizionali ma sono a led. "Hanno un consumo energetico, bassissimo, ci tiene a precisare la curatrice, inoltre le installazioni, essendo di proprietà del Comune potranno essere riutilizzate in altre occasioni, con un notevole risparmio rispetto alla consueta pratica di fittare le luminarie".
Un videodocumentario testimonierà il lavoro di artisti e artigiani realizzato in soli 12 giorni. I bozzetti di Dalisi verranno donati e messi all'asta per sostenere il comitato della festa che da anni mantiene viva Piedigrotta e le sue tradizioni.

Torna su
NapoliToday è in caricamento