menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Natale 2020, a Nola le iniziative della tradizione tra arte e fede

In Piazza Duomo allestita una Natività collocata immaginariamente proprio a Nola, con gli otto Gigli e la Barca di San Paolino. E domenica 20 arrivano gli zampognari della Compagnia Popularia

Il simbolo del Natale e una dedica speciale alla comunità di Nola, il presepe e i suoi valori religiosi e culturali accostati alla tradizione artistica locale e a quel modo, tutto nolano, di sentirsi fratelli: questo il senso della proposta avviata dalla Pro Loco Nola e realizzata grazie alla collaborazione del Comune di Nola, in particolare dell’Assessorato alla Cultura, e delle botteghe d’arte Tudisco e Gruppo NAL. 
Da oggi in Piazza Duomo è allestita una Natività collocata immaginariamente a Nola, sullo sfondo della città unita e in festa mentre gli otto Gigli danzano, con la Barca di San Paolino approdata sulle rive del mare, secondo la leggenda di San Gregorio Magno. Un’opera che vuole valorizzare anche il lavoro e le capacità tecniche dei Maestri dei Gigli.  

“In questo 2020 messo in ginocchio dalla pandemia di Coronavirus, che ha visto la città colpita da numerosi lutti, dall’assenza prolungata di momenti di aggregazione civile e religiosa, a cominciare dalla Festa dei Gigli, e che ha provato tutte le attività commerciali e produttive del territorio, è difficile offrire svago e socialità” ha detto il presidente della Pro Loco Nola Giuseppe Bianco “come nelle nostre case, il presepe si conferma il vero senso del Natale. È fede, è cultura, è bellezza, siamo grati alle botteghe Tudisco e NAL per aver sostenuto questo progetto”.

Nel prossimo finesettimana, inoltre, la Pro Loco Nola riaprirà al pubblico la sede sociale, dopo la forzata pausa per le misure anticontagio Covid19, invitando tutti i bambini a portare la letterina per Babbo Natale ed incontrare gli amici elfi. Domenica 20, invece, dalle 10 arriveranno in città gli zampognari della Compagnia Popularia che suoneranno nelle vie del centro Tu scendi dalle stelle – composta da Sant’Alfonso Maria de’ Liguori a Nola nel 1754 – e le altre melodie della tradizione natalizia.

Le iniziative, nate in collaborazione con il Comune di Nola, si terranno nel rispetto delle norme antiCovid, come voluto anche dall’assessore alla cultura e alla pubblica istruzione, Ferdinando Giampietro: “La salute dei nostri cittadini è la priorità dell’amministrazione comunale, anche in questo Natale” ha detto l’assessore Giampietro “in fondo basta poco per vivere lo spirito di questa festività ed è quanto, grazie alla Pro Loco e alle Botteghe d’Arte, proviamo a fare, invitando i Nolani a riscoprire quella solidarietà e amicizia che la Festa di San Paolino ci ha insegnato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione giovedì 21 gennaio 2021

Attualità

Gomorra 5, la stagione conclusiva è alle porte: anticipazioni puntate

social

E' in Campania "zona gialla" che si tradisce di più: i dati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento