“La Maschera è Libertà": a Napoli apre la bottega di maschere di teatro

Pulcinella - Pierangelo Summa

“Siccome il Re vieta tutti i teatri spontanei, tutte le parole proprie della Commedia e tutti i teatri parlati popolari, i commedianti dell’arte continuano a fare le stesse cose, ma le fanno in silenzio: sviluppano il teatro muto e la pantomima. A questo punto il Re comincia a distruggere i teatri di strada; ma, più di una volta durante la notte, il popolo li ricostruisce tanto ci tiene ad avere i commedianti per strada.” Pierangelo Summa, La Maschera è libertà, Il Quaderno Edizioni, p. 37
 
Il 22 agosto 2020 alle ore 18 verrà inaugurata la bottega di maschere di teatro “La Maschera è Libertà”, presso Vico Pallonetto a Santa Chiara 36, Napoli, nell’immediate vicinanze della Chiesa Santa Chiara e di Spaccanapoli, nell’antico centro storico della città.
 
La bottega nasce per iniziativa del giovane mascheraio Italo-francese Robin Summa che ha scelto di aprire il suo laboratorio nella città di Pulcinella, nel cuore dei vicoli che tradizionalmente ospitano il teatro di strada e a pochi passi dal teatrino di Perzechella e de “Il Capitano”, ultimo pazzariello napoletano ed ideatore insieme alla moglie del “Panaro solidale”. Di fatto, Il Capitano presenterà per l’occasione, alle ore 20, uno spettacolino in maschera improvvisato per il vicolo.

Figlio d’arte, Robin Summa, seguendo le orme del padre Pierangelo, vuole ridare vita alla Commedia dell’Arte, l’antica tradizione italiana nata nel 1500 che, attraverso i secoli, ha creato una quantità straordinaria di personaggi e maschere, simboli e incarnazioni di specifiche città e regioni rendendo nota l’Italia nel mondo intero.

È la prima volta da decenni che nel Sud della penisola, apre un laboratorio artigianale e negozio dedicato esclusivamente all’arte della maschera di teatro in cuoio. A Napoli, l’artigiano ripropone oltre sessanta personaggi della Commedia: Arlecchino, Pulcinella, Capitano, Pantalone ma anche i meno noti Coviello, Tartaglia, Pedrolino o i Francesi Pierrot e Cyrano.

Il pubblico, indossando liberamente le maschere, potrà addentrarsi nell’intreccio di storie che hanno dato vita a queste figure, conoscere il loro potenziale narrativo, ironico e sovversivo riscoprendo la tradizione in chiave contemporanea.

Orari bottega
Dalle 10 alle 13, dalle 16 alle 20, e su appuntamento
T: +39 081 1925 8217

Bio

Robin Summa (Francia, 1994), dopo aver conseguito la laurea in Lettere moderne alla Sorbona di Parigi, sceglie Napoli per stabilirsi e continuare quell’arte di creare, scolpire e fabbricare maschere per il teatro e lo spettacolo dal vivo, insegnatagli dal padre Pierangelo. Specializzato in maschere della Commedia dell’Arte in cuoio e cartapesta, Robin nella sua bottega produce anche maschere neutre, maschere animalesche e nuovi personaggi in dialogo diretto con attori e registi.

Pierangelo Summa (Como, 1947 - Parigi, 2015) è stato un noto mascheraio, burattinaio e regista. Attivo in Francia e Italia, si è dedicato per oltre 40 anni allo studio delle maschere e alla loro produzione, affiancando questa attività alla regia di spettacoli teatrali e televisivi.
Il suo atelier di Montreuil, nei sobborghi di Parigi, è stato uno spazio di incontro e riferimento per molti giovani e compagnie teatrali.

IN FOTO: Pulcinella - Pierangelo Summa

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Inaugurazioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • Speciale tour alla scoperta del "Ventre di Napoli"

    • dal 27 novembre 2019 al 31 dicembre 2020
    • Punto d'incontro "Dolce e Amaro Caffè"
  • A Capodimonte la mostra "Napoli, Napoli... di lava, porcellana e musica"

    • dal 22 settembre 2019 al 6 aprile 2021
    • Museo e Real Bosco di Capodimonte
  • A Capodimonte la mostra "Santiago Calatrava. Nella luce di Napoli"

    • dal 6 dicembre 2019 al 13 gennaio 2021
    • Museo e Real Bosco di Capodimonte
  • Ghost Tour, percorso notturno tra i luoghi più infestati del centro antico di Napoli

    • dal 24 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Centro antico Napoli
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento