Centro d'Arte Mediterranea, sesta serata a tema: il museo che vorrei

Dopo che il Comune ha individuato nell'ex orfanotrofio della SS Trinità il luogo che ospiterà il Museo civico, l'Associazione Culturale Centro d'Arte Mediterranea si è messa in moto per elaborare un progetto che dia alla città una sede in grado non solo di conservare la memoria storica, ma che sia anche un luogo di aggregazione e di richiamo per i giovani e gli artisti. Al termine di un accurato studio, e in attesa di conoscere quella che sarà la destinazione d'uso definitiva della struttura, la Direzione del Centro ha deciso di presentare la propria idea di Museo in occasione della sesta serata a tema dal titolo "Il Museo che vorrei" che si terrà presso la sede del CAM venerdì 12 maggio alle ore 20.00.

Questa serata è il frutto di un lavoro che parte da molto lontano, quando quindici anni fa proponemmo per la prima volta di istituire un Museo Civico a Torre del Greco - spiega il prof. Gigi Madonna, presidente dell'Associazione.

Si tratta di un'impresa non semplice, ma che l'attuale amministrazione ha messo, con merito, in cantiere. Tuttavia, non essendo stata data una chiara destinazione d'uso alla struttura, non abbiamo potuto presentare il progetto che abbiamo elaborato. La visione del Museo che noi del Centro d'Arte Mediterranea abbiamo, infatti, è molto chiara: una città come Torre del Greco deve avere un posto che mantenga in vita una tradizione artistica, artigianale e demoetnoantropologica di primo livello, che rischia, purtroppo, di scomparire. Uno dei motivi per cui ciò è avvenuto è da ricercarsi probabilmente nel fatto che è sempre mancato un luogo che catalizzasse le migliori energie cittadine e divenisse un ponte tra generazioni in grado di concretizzare un proficuo scambio di saperi. Questo non vuol dire, tuttavia, che si deve guardare al passato in maniera nostalgica. Un museo,oggi, non può essere "solo" il luogo in cui si mantiene viva la memoria storica del passato. Nel nostro progetto, infatti, ci sono spazi giustamente riservati alle collezioni di arte moderna, ad esposizioni di mostre temporanee, a laboratori di didattica per le scuole e a laboratori per i visitatori al fine di rendere il Museo Civico un punto di riferimento per tutti gli artisti dell'area vesuviana e non solo. La serata, di conseguenza, nasce con lo scopo di stimolare l'amministrazione comunale a proseguire e completare quanto di buono è stato fatto fino ad ora, perché si tratta di un'occasione irripetibile per Torre del Greco di dotarsi di una struttura che funga da fulcro per il rilancio della città, non solo dal punto di vista culturale, ma anche dal punto di vista sociale e, perché no, economico. 

L'incontro sarà aperto a tutte le associazioni, agli artisti, ai rappresentanti delle istituzioni, ai privati cittadini e a chiunque voglia dare il proprio contributo per la rinascita della quarta città della Campania. Dato il numero limitato di posti a disposizione, è gradita e necessaria la prenotazione. Per info e contatti: 081.881.59.21 - 329.71.61.331 - info@centrodartemediterranea.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Riparte il Circolo Book & Tè di Scrittura & Scritture

    • dal 5 novembre 2020 al 8 aprile 2021
    • Sala eventi Scrittura & Scritture

I più visti

  • A Capodimonte la mostra "Napoli, Napoli... di lava, porcellana e musica"

    • dal 22 settembre 2019 al 6 aprile 2021
    • Museo e Real Bosco di Capodimonte
  • Tour Napoli Celata: Dal Giardino segreto alla Chiesa del Re maledetto

    • dal 26 gennaio al 31 luglio 2021
    • Napoli
  • Gli Etruschi e il MANN: la grande mostra al Museo Archeologico di Napoli

    • dal 12 giugno 2020 al 31 maggio 2021
    • Mann- Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  • Trianon, tutti i concerti e gli spettacoli in programma per la stagione 2020/2021

    • dal 30 ottobre 2020 al 16 maggio 2021
    • Teatro Trianon Viviani
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    NapoliToday è in caricamento