menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto Facebook)

(Foto Facebook)

I presepi da Guinness, la mostra più inconsueta delle feste

Con l'ausilio di una lente d'ingrandimento fornita all'ingresso il visitatore della mostra può accedere a un vero e proprio universo in miniatura

Un appuntamento da non perdere quello con la collezione dei minuscoli presepi, unica al mondo, realizzata in oltre 50 anni di ispirato e attento lavoro da Antonio Esposito,  maestro della miniatura come esercizio di pazienza, preghiera e concentrazione.

Capolavori realizzati all’interno di noci, gusci di uovo e pistacchio, creati con “materie prime” naturali:  figure umane scolpite in gocce di colore ad olio seccate, visi dipinti su granelli di polpa di pera, alberi realizzati con minuscoli ramoscelli o aghi di pino.

Con l’ausilio di una lente d’ingrandimento fornita all’ingresso il visitatore della mostra può accedere a un vero e proprio universo in miniatura, creato al di fuori di ogni logica commerciale.

L’esposizione, realizzata interamente grazie al sostegno di Tandem e patrocinata dal Comune di Napoli, mostra le miniature che don Esposito dedicò alla rappresentazione del presepe, dove le linee e i toni si addolciscono per cogliere il cuore tenero del Natale. Qui si potrà ammirare anche il capolavoro dell’arte della miniatura, un presepe realizzato in un seme di canapa, del diametro di due millimetri.

La mostra, in Via San Giovanni Maggiore Pignatelli 1 b, è aperta tutti i giorni tranne il martedì dalle 10 alle 14 e dalle 15.30 alle 19.30. Ingresso libero. È gradito un contributo volontario a sostegno della conservazione e della valorizzazione di opere altrimenti destinate all’oblio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano: a cosa fare attenzione prima di procedere all'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento