Eventi

Nostalgia canaglia alla 34^ Fiera del Baratto svoltasi alla Mostra d'Oltremare

Grandissimo interesse per lo stand di Salvo Maniscalco e Nicola Schinco, collezionisti di "memorabilia" calcistiche e del Napoli

Ha chiuso i battenti con il solito bagno di folla la Fiera del Baratto e dell'Usato, giunta alla 34esima edizione. Nostalgia canaglia per circa ventimila visitatori che hanno sfidato prima l'assalto di parcheggiatori abusivi, bagarini e ambulanti di ogni genere, e poi il caldo dei padiglioni della Mostra d'Oltremare a caccia di ricordi tra i circa duemila espositori. Prezzi e oggetti per tutte le tasche e di tutti i generi, ma i "pezzi" più ricercati sono sempre gli stessi: fumetti, dischi, modellini, riviste e giornali. Tante cianfrusaglie in esposizione, a dire il vero, ma numerosissime le "chicche" per gli appassionati.

"La nostra è una passione che non tutti capiscono ed apprezzano -spiega Venerando Cautiero, da Pozzuoli, immerso nei suoi introvabili numeri di Topolino e le sue prime pagine di giornali celebrativi-. Sto avendo grosse difficoltà a trovare qualcuno a cui lasciare in eredità le mie collezioni senza disperderle". Molto apprezzati anche i modellini dei treni del Club Amici della Ferrovia (Clamfer), un'associazione che opera a Napoli dal 1979, che ha pubblicato, tra l'altro, una vera e propria enciclopedia dei treni italiani, con particolare riferimento a quelli della Campania, e successo anche per le bambole di Maria Torre, impressionanti, oltre che per il loro realismo, anche per il prezzo (si parte da 150 euro), e realizzate in vinile e silicone, in quantità ridotta proprio a causa dei lunghi tempi di lavorazione. Lo stand più visitato è stato però senza dubbio quello di Salvo Maniscalco e Nicola Schinco, due super-collezionisti di "memorabilia" calcistiche e del Napoli in particolare: il primo numero di "Sport Sud", copie di "Roma Sport" o del "Corriere di Napoli", biglietti e prime pagine di partite storiche, figurine, poster, riviste, carnet di abbonamenti, autografi, contratti e tutto ciò che riguarda il periodo di Maradona, ma anche quello di Sivori, Altafini e Sallustro.


Record di visite per lo stand dedicato ai tifosi, dunque, ma anche per quello di Alberto Bruno, 70 anni, da San Giovanni a Teduccio, e una passione per le locandine cinematografiche, in vendita, per un pubblico di amatori, da 5 a 1.000 euro: apprezzatissima, in particolare, quella del film "Il profeta del gol", realizzato da Sandro Ciotti e dedicato al calciatore Johan Cruyff, e poi tutte quelle delle innumerevoli pellicole girate da Totò. Anche Alberto è preoccupato perchè non sa a chi lasciare in eredità il suo sterminato archivio, e da qualche tempo ha intrapreso contatti con il comune di Napoli, che avrebbe interesse a creare una sorta di museo con il suo materiale. L'appuntamento, per la 35esima edizione della Fiera del Baratto, è già fissato per il prossimo mese di novembre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nostalgia canaglia alla 34^ Fiera del Baratto svoltasi alla Mostra d'Oltremare

NapoliToday è in caricamento