"Emergenza stradale. Basta morti in strada", l'iniziativa dei Cicloverdi Fiab Napoli

Lo scorso 8 agosto in piazza Carlo III a Napoli si è consumato l’ennesimo incidente stradale e anche questa volta ha visto vittima una giovane vita, una ragazza di appena 15 anni. Solo pochi mesi fa a Roma due ragazze hanno perso la vita di notte attraversando la strada. Notizia di questi giorni ancora due vittime per incidenti stradali in Campania una donna di 69 anni a Sant'Antimo ed una cinquantaseienne nel casertano a S.Maria Capua Vetere.
Siamo tutti consapevoli che queste stragi non sono ascrivibili a fatalità ma a cause ben precise e che queste cause possono – E DEVONO - essere rimosse. Il nostro impegno di cittadini, prima ancora che di attivisti di associazioni che promuovono la mobilità sostenibile deve essere teso soprattutto ad evitare che queste stragi si ripetano....
Quello della sicurezza stradale é uno dei temi più sentiti da FIAB che già lo scorso 23 febbraio ha partecipato ed organizzato insieme ad altre associazioni, la manifestazione nazionale “Emergenza stradale - Rispettiamocinstrada”. E' questa l'espressione con cui si vuole sintetizzare la richiesta di rispetto tra le diverse categorie di utenti della strada, perché proprio la mancanza di rispetto – delle regole, delle persone e della vita – produce situazioni di pericolo trasformando le vie e le piazze delle città in teatri della strage quotidiana dovuta principalmente a chi guida il mezzo più forte, l’automobile, che tra l'altro ha ormai saturato tutti gli spazi.

Per questi motivi, in occasione della SEM Settimana Europea della Mobilità Sostenibile nel prossimo mese di settembre abbiamo pensato di organizzare a Napoli una grande manifestazione per riproporre, ancora una volta, il tema della SICUREZZA STRADALE all’attenzione dell’agenda politica e dei mass media per sensibilizzare, oltre ai cittadini utenti della strada al rispetto reciproco, anche gli amministratori Sindaco, assessori competenti e le istituzioni tutte affinché adottino piani urbanistici e di mobilità mirati ad una condivisione civile degli spazi urbani e tali da non privilegiare solo, come è ora, la mobilità motorizzata a scapito di vivibilità e sicurezza.
Sabato 10 ottobre 2020 alle ore 17 in Piazza Carlo III partecipiamo in massa per manifestare e portare in piazza le istanze di FIAB insieme con AIFVS Associazione Italiana Familiari Vittime della Strada, AMCVS Associazione Mamme Coraggio Vittime della Strada, Fondazione Michele Scarponi, Legambiente Campania, Legambiente Parco Letterario, Legambiente CENTRO ANTICO, Legambiente Circolo LA GRU SCAMPIA, WWF Napoli, Associazione NAPOLI PEDALA, Associazione PERCORSI CUMANI, Associazione ANNALISA DURANTE, Associazione MAMME ANTISMOG, Associazione TUTTI A SCUOLA, Associazione Green Italia Campania,
Associazione Vivinstrada,
Associazione Salvaciclisti e a tutte le associazioni e persone che vorranno unirsi per veder garantito il diritto di poter attraversare la strada o pedalare o semplicemente spostarsi in carrozzina senza rischiare di essere investiti e uccisi.

Evento organizzato da Titti Vollero per i Cicloverdi Fiab Napoli
Info su evento al numero telefonico
3396795037

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • A Capodimonte la mostra "Napoli, Napoli... di lava, porcellana e musica"

    • dal 22 settembre 2019 al 6 aprile 2021
    • Museo e Real Bosco di Capodimonte
  • Ghost Tour, percorso notturno tra i luoghi più infestati del centro antico di Napoli

    • dal 24 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Centro antico Napoli
  • "Napoli Liberty. N'aria 'e primmavera" in mostra a Palazzo Zevallos Stigliano

    • dal 25 settembre 2020 al 24 gennaio 2021
    • Gallerie d’Italia - Palazzo Zevallos Stigliano
  • Un tour virtuale al Palazzo delle Arti con Napoli Expò Art Polis 2020

    • Gratis
    • dal 25 luglio 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzo delle Arti
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    NapoliToday è in caricamento