Eventi

Days of the dinosaur resta a Napoli fino ad aprile

Già vista da oltre 80.000 persone, la mostra Days of the dinosaur annuncia la proroga: a grande richiesta resterà al Real Albergo dei Poveri fino a lunedì 1 aprile .

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Un successo clamoroso per "Days of the Dinosaur" a Napoli. Oltre 80mila visitatori per la mostra che racconta la storia dei giganti della preistoria. Sarebbe dovuta terminare a febbraio, ma vista l'enorme richiesta di biglietti è stata prorogata fino a lunedì 1 aprile, sempre nel suggestivo scenario del Real Albergo dei Poveri (Palazzo Fuga) di piazza Carlo III. Un successo straordinario di visitatori che conferma il clamore riscosso nelle precedenti tappe italiane a Roma e Torino dove ha fatto segnare ben 300.000 biglietti venduti. Days of the Dinosaur è un fantastico percorso nella storia - tra gioco, didattica, scienza e divertimento - per scoprire l'evoluzione della vita sulla Terra, con un Dinolab pensato apposta per i più piccoli, per continuare ad imparare giocando. Allestita in oltre 20 paesi al mondo è un'esperienza unica, particolarmente coinvolgente con 50 dinosauri "vivi" immersi nel loro habitat naturale. Dal gigantesco Tyrannosaurus al più piccolo Archaeopteryx, dall'Ankylosaurus al Triceratops, i dinosauri tornano in vita grazie ad una sofisticata tecnologia che ha permesso di creare robot che sfiorano la perfezione, accompagnando i visitatori alla scoperta dell'era preistorica. Un team di paleontologi ha supervisionato la scelta delle specie, i movimenti e i comportamenti degli esemplari che, in alcuni casi, sono capaci di muovere anche parti minute del proprio corpo come occhi, lingua e dita con un effetto di straordinario realismo. Un fantastico viaggio nel tempo, indietro di 250 milioni di anni alla scoperta di un mondo perduto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Days of the dinosaur resta a Napoli fino ad aprile

NapoliToday è in caricamento