Economia Corso Umberto I

Università Federico II, a rischio la qualità dei servizi agli studenti

Nessun crack finanziario, ma preoccupa il taglio al Fondo di Finanziamento Ordinario per l'anno 2013 previsto dalla Legge di Stabilità. "Meno insegnanti, aule sempre più affollate"

Università Federico II

L'Università Federico II non rischia il crack finanziario, ma è fortemente a rischio la qualità dei servizi agli studenti per effetto del taglio al Fondo di Finanziamento Ordinario per l'anno 2013 previsto dalla Legge di Stabilità.

Chiaro il rettore Massimo Marrelli. "Dal punto di vista dell'equilibrio finanziario siamo in pareggio perché riusciamo ad assorbire il taglio con i pensionamenti di docenti e personale tecnico. La nostra fortuna, se può essere considerata tale è essere un'Università anziana, altri Atenei non riescono a pagare gli stipendi".

TUTTI I NUMERI - Il taglio per la Federico II nel 2013, è di 15 milioni di euro, cifra "assorbita" con i previsti pensionamenti. Complessivamente, nel nuovo anno, sono circa 300 "le teste" che perdera ' l'Ateneo che negli ultimi due anni, tra il 2010 e il 2011, ha già detto addio a 1.172 persone tra docenti e personale.
"Diminuendo sempre più gli insegnanti - ha concluso il Rettore - saremo costretti ad avere aule sempre più affollate e dunque il servizio che andiamo ad offrire ai nostri studenti ne perderà inevitabilmente in qualità". (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università Federico II, a rischio la qualità dei servizi agli studenti

NapoliToday è in caricamento