Teatro San Carlo, polemiche per il bando per ufficio stampa: "Nessuna discriminazione"

La sovrintendente Purchia chiarisce in una nota la posizione del Teatro sul bando delle polemiche

In relazione alle polemiche sorte in merito al bando pubblicato il 24 maggio 2019 per il Concorso per 1 posto a tempo indeterminato per il profilo di Addetto all’Ufficio Stampa, Assistente alla Comunicazione ed Edizioni del Teatro di San Carlo, la Sovrintendente Rosanna Purchia intende precisare e chiarire quanto segue: “Premesso che il bando è stato pubblicato in data 24 maggio 2019, e che il San Carlo è da sempre aperto al confronto, si fa presente che per tutto ciò che riguarda la materia dei rapporti di lavoro, la Fondazione è tenuta a seguire la normativa di diritto privato ed applica ai rapporti di lavoro dei Suoi dipendenti, il CCNL Fondazioni Lirico-Sinfoniche”. “Nel bando in questione - continua la Sovrintendente - si ricerca la figura di “Addetto all’Ufficio Stampa” che dovrà, sotto la direzione del Responsabile Ufficio Stampa, collaborare a redigere ed inviare comunicati stampa, monitorare quotidianamente la rassegna stampa, organizzare conferenze stampa e azioni di promozione delle attività del Teatro. Per tale figura abbiamo inteso richiedere come requisito minimo l’essere iscritto all’albo dei giornalisti elenco dei pubblicisti, non di precludere ovviamente la partecipazione ai professionisti”. “Per il tanto clamore sollevato dai media per la questione dell’idoneità fisica, tanto da arrivare ad usare addirittura la parola “discriminazione”, ribadisco con forza che la Fondazione con l’espressione, vetusta da risultare forse oggi non opportuna, “esenti da difetti e imperfezioni” intende indicare l’assenza di controindicazioni al lavoro cui il lavoratore è destinato, trattandosi esclusivamente di idoneità alla mansione specifica, così come disposto dall’art. 41 del d.lgs 81/08. Peraltro è obbligatoria, prima dell'assunzione la verifica dell’idoneità alla mansione da parte del medico competente”. “Quindi - conclude Rosanna Purchia - non si tratta assolutamente di alcuna discriminazione, che mai è stata perpetrata - e mai lo sarà - dal nostro Teatro nell’ambito delle assunzioni del personale”.

Chiesta la revoca del bando

"Chiedo che venga revocato il bando per l'assunzione dell'addetto stampa del Teatro San Carlo. No a qualsiasi tipo di discriminazione. Ancora più grave se è nei termini in cui viene espressa in questo bando, che invece deve consentire a tutti, senza differenze, di partecipare al di sopra di ogni possibile sospetto". Era stata la nota su Fb di Vincenzo De Luca. Della medesima opinione anche Ottavio Lucarelli, presidente dell'Ordine dei giornalisti della Campania: "Cercare una persona esente da difetti fisici è una formula di valida solo per alcuni specifici ruoli della pubblica amministrazione. Non può valere per il ruolo di addetto stampa".

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino: come difendersi e cosa fare in caso di morso

  • Cardarelli: presto visite ed esami si prenoteranno nella farmacia vicino casa

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Come eliminare la puzza dal tuo bidone della spazzatura

I più letti della settimana

  • Lancia la figlia dal 2° piano e si butta giù: morta sul colpo la bimba di 16 mesi

  • Fuorigrotta, tragico incidente stradale: muore una 15enne

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 15 al 19 luglio 2019

  • Dramma in via Marina, scooter contro auto: muore 26enne

  • Orrore San Gennaro Vesuviano, la ricostruzione dalla tragedia

Torna su
NapoliToday è in caricamento