menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Saldi

Saldi

Saldi al via, domenica negozi aperti tutto il giorno

Gli sconti da sabato 7 luglio. Pietro Russo, presidente di Confcommercio Napoli: "C'é bisogno di portare un po' di ossigeno al nostro settore, l'atmosfera che si respira in città è tutt'altro che entusiasta"

Partirà sabato 7 luglio  la "stagione" dei saldi in tutta Italia e quindi anche a Napoli. Troppo tardi secondo le associazione di categoria dei commercianti napoletani, per le quali la crisi avrebbe richiesto una partenza anticipata.

Anche se ufficialmente i giorni dedicati ai super sconti cominciano domani, non sono poche le attività che già da giugno vivono di "offerte promozionali".
Nonostante questo, però, i consumi continuano a diminuire e la flessione delle vendite non si attenua, come ha sottolineato il Codacons prevedendo che la spesa procapite non supererà, anche duranti i saldi, gli 80 euro e la flessione toccherà punte del 30 per cento. Dati preoccupanti, dovuti al sempre maggiore impoverimento della popolazione, che, in gran parte, può ormai spendere (con attenzione) solo per i beni primari.

"Domenica i negozi resteranno aperti tutto il giorno. C'é bisogno di portare un po' di ossigeno al nostro settore perché i dati che abbiamo sono oltremodo negativi, e anche l'atmosfera che si respira in città, in quelle che erano le "vie dello shopping", è tutt'altro che entusiasta. Si fa fatica anche a vendere costumi e teli mare". Lo ha detto Pietro Russo, presidente di Confcommercio Napoli - Imprese per l'Italia. "Ovviamente non c'è l'obbligo per gli esercenti, ma molti faranno questa scelta per l'esigenza di rilanciare i consumi - ha continuato Russo -. Sabato d'altronde iniziano i saldi, speriamo che qualcosa possa finalmente migliorare".

Secondo Mariolina Formisano, presidente Federcalzature Napoli, che fa riferimento alla Confcommercio del capoluogo partenopeo, "quest'anno i saldi iniziano troppo tardi. Avevamo richiesto alla Regione Campania, vista anche la condizione di crisi, che fossero anticipati al 30 giugno ma purtroppo i tempi per la burocrazia italiana erano troppo stretti. Temiamo - ha spiegato Formisano - che l'effetto saldi possa essere solo parziale e che si sia diluito in queste settimane d'attesa, anche perché qualche commerciante ha provveduto a modo suo applicando sconti indiscriminati". Per Federcalzature si tratta di un problema particolarmente grave: "Abbiamo sperato in un rilancio dei consumi con l'inizio della primavera e dell'estate, invece molte attività sono in crisi e altre, anche tra quelle presenti da decenni in centro storico, non riapriranno a settembre".
(ANSA)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Attualità

Anm, via alla nuova linea bus 602 sulla tratta Garibaldi-Dante

Attualità

Riapre il Cinema Vittoria: coda al botteghino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Morte Ylenia Lombardo, ipotesi omicidio: fermato un uomo

  • Politica

    De Magistris: "Whirlpool e comuni in difficoltà economica, il Governo risponda"

  • Cronaca

    Mario Cerciello Rega, la sentenza: ergastolo per i due americani

  • Cronaca

    Lutto nel noto liceo: il prof. D'Auria ucciso da un brutto male

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento