Sabato, 23 Ottobre 2021
Economia

Procida capitale della Cultura, investimenti dall'estero e compensazioni per gli stabilimenti balneari: le decisioni della Regione

La giunta regionale ha approvato una serie di provvedimenti con investimenti milionari

La giunta regionale della Campania, su proposta degli assessori Casucci (Turismo) e Cinque (Bilancio), ha adottato una delibera a favore delle imprese balneari esentate dal versamento del 50% della sovrimposta regionale per le concessioni demaniali marittime ad uso turistico-ricreativo per l'anno 2021, prevedendo la compensazione con quanto dovuto nell'anno 2022 per le imprese che hanno già versato l'imposta entro il 15 settembre 2022. In questo modo, si è dato seguito a quanto previsto dalla normativa regionale e si è venuto incontro alle istanze delle associazioni di categoria operanti nel settore che avevano manifestato la necessità di misure compensative rispetto a una lamentata riduzione degli introiti nel corso della stagione turistica 2021.

Finanziamento per Procida 

La giunta ha inoltre deliberato il finanziamento per una serie di interventi nell'ambito delle iniziative di "Procida Capitale della Cultura 2022", per un importo complessivo di 2.230.000 euro.  Con 652.000 euro sono stati finanziati il restauro e la valorizzazione dell'ex chiesa di San Giacomo, da destinare a sala polifunzionale e centro di aggregazione giovanile. Con 1.153.000 euro sono stati finanziati gli interventi di restauro, riqualificazione e rifunzionalizzazione del Complesso monumentale composto da Palazzo D'Avalos e l'ex carcere di Terra Murata. Infine altri 424.000 euro sono destinati a lavori di decoro urbano, arredo e accessibilità nel Comune di Procida.

Gli investimenti dall'estero 

La giunta ha approvato lo schema di protocollo d'intesa tra la Regione Campania, Confindustria Campania e Confindustria per il consolidamento e l'attrazione di investimenti esteri. Questi gli obiettivi dell'intesa: 

- aumentare la conoscenza del ruolo e delle potenzialità derivanti dalle imprese a capitale estero per i territori, oltre che su aspetti strettamente economici, anche per i programmi di sostenibilità ambientale, di economia circolare e di welfare;

- promuovere l'istituzione di una funzione di assistenza per gli investitori esteri sul territorio, e contribuire attivamente alla loro fidelizzazione;

- aumentare le sinergie strategiche ed operative tra le imprese multinazionali ed il complesso sistema degli incentivi di carattere regionale, nazionale e comunitario a supporto degli investimenti, le agenzie nazionali e le strutture amministrative regionali di competenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Procida capitale della Cultura, investimenti dall'estero e compensazioni per gli stabilimenti balneari: le decisioni della Regione

NapoliToday è in caricamento