menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il piccolo protagonista dello spot

Il piccolo protagonista dello spot

McDonald's, polemiche sul nuovo spot: “Offende la pizza”

Un bambino, portato in una grigia pizzeria dai genitori, non ha dubbi: vuole un Happy meal. Secondo molti, la pubblicità della catena di fast food rappresenta, alla vigilia di Expo 2015, un passo falso

Un Happy Meal di McDonald's è meglio della pizza? Secondo il gigante Usa dell'hamburger sì, o almeno così lascia intendere l'ultima trovata pubblicitaria della catena di fast food.

In venti secondi di spot, il piccolo protagonista è portato in pizzeria dai genitori ed all'arrivo del cameriere, che gli chiede quale pizza vuole, il bimbo non ha dubbi: “Happy meal”. E così dall'anonima e grigia pizzeria la scenografia cambia come per magia in un colorato McDonald's.

La pubblicità denota in realtà una scelta del colosso Usa in controtendenza con il brand care degli ultimi anni: laddove in Italia la politica sembrava quella di avvicinarsi alle specialità nostrane offrendone rivisitazioni nei menù, qui è "scontro". Vero è anche che la catena di fast food a Napoli, patria della pizza e dello street food, pare abbia da sempre difficoltà ad attecchire, come testimoniano le chiusure dei franchising di piazza Dante, via Scarlatti e via Depretis.

Il risultato della campagna promozionale, ad ogni modo, pare non essere fin qui entusiasmante. I commenti al video su Youtube, in particolare, sono in genere molto critici, con qualcuno che taccia senza mezzi termini la catena di "offendere la pizza napoletana". Se poi si considera che McDonald's sarà sponsor del prossimo Expo 2015 di Milano, incentrato sulle eccellenze italiane soprattutto gastronomiche, il dubbio che lo spot rappresenti un passo falso inizia a diventare più che concreto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano: a cosa fare attenzione prima di procedere all'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento