rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Economia

Comprare casa a Napoli? È la città d'Italia in cui è più difficile

Salari bassi e prezzi in continua ascesa per il boom turistico stanno rendendo difficilissima la vita ai partenopei che desiderano una casa di proprietà. Una recente ricerca identifica quello di Napoli come il comune con la più grossa forbice tra il reddito medio e il prezzo delle abitazioni

Complice l'imponente afflusso turistico delle ultime settimane, a Napoli è tornato al centro del dibattito il rapporto sempre più conflittuale tra le necessità dei residenti e quelle dei suoi visitatori. L'allarme è quello di una crisi abitativa sempre più stringente, come denunciano in molti tra associazioni e movimenti, ad esempio il Comitato di lotta Diritto all'Abitare, oppure Potere al Popolo, che proprio questo fine settimana ha organizzato una manifestazione sul tema a piazza Dante.

Semplicemente, comprare o prendere in affitto una casa a Napoli è oggi difficile come mai. Antonio Damiano, vicepresidente della Federazione italiana agenti immobiliari (Fiaip), ha spiegato ai nostri microfoni che il costo del mattone è cresciuto raggiungendo addirittura in alcuni quartieri cifre come 8-9mila euro al metro quadro. Anche se non a questi livelli, il centro città è proprio l'area che ha visto maggiormente salire le sue quotazioni. "Trovare una casa in affitto in questa zona è quasi impossibile – ci ha spiegato Damiano – perché molte abitazioni sono state trasformate in strutture recettive. Anche studi professionali storici hanno dovuto trasferirsi altrove perché i canoni hanno raggiunto cifre troppo alte".

La sensazione è che l'economia turistica dia a pochi (innanzitutto albergatori ed esercenti di ristrette aree cittadine) e tolga a molti, cioè a tutti coloro che vorrebbero abitare in un'area della città – appunto il centro – più funzionale e meglio servita.


Video di Massimo Romano

Napoli città peggiore d'Italia per comprare casa

C'è una recente ricerca che dà la misura di quanto la situazione stia diventando preoccupante. È stata pubblicata da LaVoce.info ed è a opera di Tortuga e Area Proxima: Tortuga è un think tank di studenti, ricercatori e professionisti attivi nel campo dell’economia e delle scienze sociali, Area Proxima una startup che si occupa di database a supporto dell’analisi del mercato immobiliare e dello sviluppo dei territori.

La ricerca in questione si concentra su quale sia "la quota di reddito familiare necessaria per acquistare un’abitazione, comune per comune". Il gioco è semplice: meno si guadagna oppure più costano le case, più percentuale di reddito medio sarà necessario per acquistarne una.

"In questa ottica – spiegano gli autori della ricerca – abbiamo prodotto un indice di accessibilità immobiliare (o housing affordability index, HAI) a livello comunale, che indica la percentuale di reddito disponibile spesa in media dal nucleo familiare di ogni comune per acquistare un immobile". Un modo utile di approcciarsi al problema, in quanto l'HAI "non si limita a indicare chi ha la possibilità o meno di accedere al mercato immobiliare, ma misura quanto stringente sia l’accesso rispetto alle finanze familiari".

Esiste anche una "soglia di allerta convenzionale", che Tortuga e Area Proxima spiegano sia stata "utilizzata in analoghi studi statunitensi". Questa soglia – oltre la quale dovrebbe scattare un allarme per istituzioni e operatori del settore – corrisponde alla necessità di un cittadino di "impiegare oltre il 30 per cento del proprio reddito disponibile per il finanziamento della casa". Evidentemente troppo. Ma proprio con in mente questa soglia del 30 per cento, i numeri della ricerca appaiono impietosi: nel 25 per cento dei casi l'HAI è superiore al 30 per cento, mentre nel 10 per cento dei comuni si sorpassa il 40 per cento.

Ma c'è un comune in cui addirittura si arriva quasi a sfiorare il 50 per cento del reddito medio necessario per l'acquisto di casa, un comune in cui la forbice tra salari bassi (21.932,9 euro di reddito netto familiare medio) e prezzi alti degli immobili (2.356,862 euro a metro quadro) pare creare un ostacolo insormontabile a chi voglia, oggi, comprare casa nei suoi quartieri. Stiamo parlando proprio di Napoli.

La tabella della ricerca pubblicata su LaVoce.info

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comprare casa a Napoli? È la città d'Italia in cui è più difficile

NapoliToday è in caricamento