Economia

Lavoro in Campania: per le donne l'occupazione è in crescita

I dati pubblicati oggi dall'Arlas mostrano un significativo aumento dell'occupazione femminile in regione, più 8,3 per cento. Assunti soprattutto tra chi è in possesso di laurea o diploma

Lavoro

Il mercato del lavoro in Campania dà segnali di ripresa: nel 2012, in controtendenza con il resto del Paese, l'occupazione è cresciuta dell'1,3 per cento dopo anni di andamento negativo. È l'Arlas, agenzia regionale per il lavoro, a rendere noti i dati, contenuti nel “Secondo rapporto sul mercato del lavoro in Campania” presentato oggi a Napoli nel convegno “L'occupazione tra vincoli e opportunità”.

Cresce, in particolare, l'occupazione femminile, con un aumento dell'8,3 per cento. Una crescita in grado di assorbire la contrazione degli occupati maschi (-2,1 per cento). Aumenta anche il numero di giovani fino a 24 anni occupati, con un incremento del 2,3 per cento pari a 9mila unità. Ad ottenere lavoro sono soprattutto le persone in possesso di titoli di studio medio alti (62 per cento) soprattutto per le donne (il 73 per cento sono laureate e diplomate).

L'analisi di Arlas è volta al lavoro della regione, con una particolare attenzione alle modifiche introdotte dall'entrata in vigore della Legge Fornero alle politiche regionali, che nel 2012 chiudono un primo ciclo di interventi avviato nel 2011 attraverso il Piano straordinario dell'occupazione 'Campania al Lavoro'.

Tra le misure, quelle per l'apprendistato: nel 2012 le assunzioni di questo tipo sono state 18mila. I flussi in entrate e in uscita dal mercato del lavoro, nel 2012 ammontano a quasi un milione e mezzo di unità, ed hanno interessato 100mila imprese. Per quanto riguarda il lavoro dipendente, il 65 per cento delle posizioni è a tempo determinato, mentre è indeterminato poco più del 28 per cento del totale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro in Campania: per le donne l'occupazione è in crescita

NapoliToday è in caricamento