Economia

Arrivano i fondi, ma non alle discoteche

Insorge Vincenzo De Pompeis, Presidente di SIDED Napoli, associazione che riunisce locali da bello e discoteche aderenti a Confesercenti

"Negli ultimi giorni Ministero del Turismo prima e Regione Campania poi, hanno annunciato l'emanazione di centinaia di milioni di euro a favore di imprese del turismo. Entrambi gli Enti hanno pensato fosse giusto far scorrere fiumi di euro verso imprese che sono tutto sommato attive ed aperte, ignorando totalmente le nostre circa 3.000 attività inequivocabilmente chiuse da diciotto mesi e che dovranno aspettare dicembre per ricevere pochi spiccioli annunciati da Draghi qualche settimana fa". Lo afferma Vincenzo De Pompeis Presidente di SIDED Napoli, l'associazione di categoria che riunisce i gestori di locali da ballo e discoteche aderenti a Confesercenti. "È assurdo - prosegue - che si diano sostanzialmente due volte soldi alle stesse attività, condizione che messa insieme alla strana concomitanza dei due provvedimenti ed alla peculiare scelta di alcune attività, fa sorgere o il dubbio di qualche strana manovra politico elettorale o la sconcertante possibilità che piccoli presidenti di regione non sappiano cosa avviene al governo centrale, come dire la mano destra non sa cosa fa la sinistra. La cosa più avvilente è che un organismo come il Ministero del Turismo o un Regione come la Campania che da sempre vive di turismo, ignorino del tutto che l'intrattenimento notturno rientra tra i tre fondamentali criteri di scelta di una meta turistica. Resta poi inspiegabile come un ministro leghista faccia il contrario di quanto viene annunciato da Matteo Salvini: uno si professa "amico delle discoteche" l'altro ci esclude dai fondi di sostegno. L'abusivismo e l'illegalità - conclude De Pompeis - che da mesi e mesi denunciamo sono a tutti gli effetti giustificati e quasi autorizzati da una politica ormai avvolta su se stessa, incapace di prendere scelte coerenti e dissolta nel solito clientelismo all'italiana".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrivano i fondi, ma non alle discoteche

NapoliToday è in caricamento