menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Federconsumatori ai commercianti: "Uniti contro il malaffare"

Il Presidente Stornaiuolo: "Si rischia che una fetta del mercato distributivo napoletano possa andare in mano alla criminalità organizzata". Pochi giorni fa il suicidio del commerciante a Corso Umberto

"Uniamo le nostre forze, chiediamo un incontro con tutti i commercianti che vogliono ribellarsi”. Questo l’appello frontale della Federconsumatori Campania, rivolto ai commercianti napoletani, già in situazione di forte crisi economica. L’invito è scaturito dall’ultimo tragico episodio accaduto a Napoli: il suicidio del commerciante titolare del negozio “Brums” di Corso Umberto.

«Tutto il paese è in stallo – dichiara il presidente regionale della Federconsumatori Campania, Rosario Stornaiuolo – è c’è mese dopo mese un’elevata caduta dei consumi. I nostri report giornalieri ci fanno notare di come il costo dei prodotti sia aumentato e la richiesta dei consumatori diminuita in modo verticale. Ci stiamo avviando ad un blocco dell’economia – continua Stornaiuolo – che a Napoli diventa ancora più grave a causa del racket». Sono molte, infatti, le realtà cittadine e metropolitane, di commercianti che hanno già denunciato estorsioni. Per questo la Federconsumatori Campania ha fatto appello a tutti i commercianti “che non appartengono alla rete del malaffare”, al fine di trovare insieme una soluzione ed un giusto equilibrio tra i venditori in difficoltà ed i consumatori.

«A Napoli – chiosa Stornaiuolo – il problema del racket mette alle strette i commercianti, soprattutto in termini economici. I titolari dei negozi sono già in difficoltà per una crisi economica generalizzata ed a questa va ad aggiungersi anche il fattore “criminalità organizzata” che costringe gli esercenti a sborsare ingenti somme di danaro costantemente». L’obiettivo è quello di denunciare uno stato di cose che porta ad affermare che una fetta consistente del mercato distributivo di Napoli è “sotto scacco” della criminalità organizzata.

«Già abbiamo espresso la nostra solidarietà per il grave accaduto – conclude Stornaiuolo – ma a nostro parere questo non basta. Dobbiamo unire le nostre forze e trovare insieme, commercianti, consumatori, istituzioni e forze sane della città di Napoli, soluzioni tangibili al problema della crisi economica». La Federconsumatori Campania, quindi, aspetta la risposta dei commercianti napoletani e di tutte quelle forze sane della città e si farà carico, in questi giorni, di organizzare l’incontro anche presso le proprie sedi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento