Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di Maio: "A settembre 2 miliardi per i giovani del Sud"

 

Luigi Di Maio tende una mano agli imprenditori del Sud. "Sono dei supereroi per lavorare in queste condizioni" ha detto il ministro per lo Sviluppo economico, che ha chiuso i lavori per la presentazione del rapporto 2019 Istat-Ice sull'esportazione del made in Italy. 

Per la prima volta, il rapporto è stato svelato a Napoli e il vicepremier ha annunciato alcune misure per i giovani imprenditori: "La migliore risorsa del Sud sono i giovani e da settembre investiremo 2 miliardi di euro per le idee innovative, così i nostri ragazzi non dovranno andare a Berlino, Londra o Parigi per farsele finanziare. Il piano straordinario per le esportazioni è il più grande mai realizzato e ammonta a 140 milioni, di questi 50 sono destinati per incentivare le esportazioni del Meridione". 

Di Maio ha commentato anche la decisione di Raffaele Cantone di lasciare l'Autorità anticorruzione perché poco considerata: "Abbiamo sempre collaborato con Cantone e con noi è sempre stato leale. E' una persone che ha rispetto per lo Stato e gli faccio i miei auguri per il suo ritorno in Magistratura in un periodo così delicato".

All'esterno dell'hotel Continental, dove si è tenuto il convegno, una cinquantina di precari bros ha atteso il ministro per chiedere chiarezza sull'assorbimento di solo una parte dei circa 3.300 disoccupati della vertenza: "Scriverò al presidente De Luca e nel giro di un paio di giorni avrete delle risposte" la risposta di Di Maio. 

Dopo una giornata tutta campana, prima a Giffoni e poi a Napoli, il leader del 5 stelle è tornato a Roma lasciando aperti alcuni interrogativi, su tutti l'impegno del Governo per l'emergenza rifiuti che potrebbe esplodere a settembre nel Napoletano a casua della chiusura per lavori del termovalorizzatore di Acerra.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento