menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Economia in crisi, per gli imprenditori è anche colpa della criminalità

Il dato emerge dal rapporto sull'economia della provincia di Napoli realizzato dalla Camera di Commercio nell'ambito della Giornata dell'Economia. Clan presenti soprattutto nel campo dell'edilizia

Il fenomeno della criminalità, organizzata e non, è, per gli imprenditori napoletani, tra le principali cause che, insieme alla crisi congiunturale, impediscono all'economia locale di crescere. Il dato emerge dal rapporto sull'economia della provincia di Napoli, realizzato dalla Camera di Commercio, nell'ambito della Giornata dell'Economia.

Secondo l'analisi su un campione di 500 imprese, il 29 per cento degli imprenditori ritiene «determinate» il ruolo che la criminalità organizzata ha sul territorio. I clan sono presenti, secondo l'indagine, soprattutto nel campo dell'edilizia (58,9 per cento), seguita da lavori pubblici (33,3 per cento) e commercio (32,2 per cento). Un'economia parallela il cui volume di affari, rispetto al totale delle attività economiche, è del 34 per cento e che causa all'economia sana perdite stimate tra il 6 e il 10 per cento e alle aziende perdite di fatturato pari al 15,3 per cento.

Tra i mercati paralleli, spicca quello della contraffazione che, come sottolineato dal Generale di Corpo d'Armata Vito Bardi, comandante interregionale Italia Meridionale della Guardia di Finanza, in Italia, nel 2010, ha fatturato 110 milioni di euro, di cui il 10 per cento nella sola provincia di Napoli, su un 22 per cento di tutto il Meridione. «Un'industria - ha aggiunto Bardi - che costituisce un'economia sommersa che può portare a notevoli conseguenze».

Secondo i dati forniti, nel 2010, la Guardia di Finanza ha sequestrato in tutto in Italia 1.500 pezzi contraffatti di cui il 40 per cento nel Sud, con un incremento dei sequestri cresciuto del 36 per cento rispetto al 2009. «La contraffazione - ha detto il Generale - significa concorrenza sleale, riciclaggio, reinvestimenti di denaro sporco, evasioni contributive ed è importante - ha concluso - che non si sottovaluti il fenomeno come accadde anni fa con il contrabbando perchè potremmo avere conseguenze estremamente negative». Ma le imprese napoletane devono fare i conti anche con la criminalità «comune» ritenuta «determinante» dal 26 per cento del campione e che colpisce soprattutto il commercio (26,7 per cento). A incidere sull'economia locale, per il 63,3 per cento degli imprenditori, la presenza di una «burocrazia illegale» con picchi oltre il 70 per cento nei settori costruzioni e turismo. Il rapporto, inoltre, rileva come nessun imprenditore consideri «non incidente» la burocrazia della Pubblica amministrazione nel favorire il fenomeno criminale. Tuttavia, il 69 per cento del campione afferma di avere fiducia nell'azione di contrasto delle forze dell'ordine.


«Nonostante questo quadro - ha detto il presidente dell'ente camerale Maurizio Maddaloni - qualche tiepido segnale di ripresa c'è, ma è da decriptare anche grazie alla collaborazione fattiva delle forze dell'ordine e della Guardia di Finanza sempre attenta nel vigilare e contrastare i tentativi di infiltrazione nelle attività economiche». (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Esplosione ai Colli Aminei, distrutto un negozio

  • Cronaca

    Lite finisce nel sangue, uomo ucciso a colpi di cric

  • Cronaca

    Riaprono i negozi: "Pochi clienti e molte attività sono già fallite"

  • Cronaca

    Tragedia in metropolitana: uomo travolto da un treno

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento