La protesta di bar e locali napoletani: “Pronti a fermarci, ma chiediamo sostegni economici immediati”

Più di cento brand partenopei, rappresentati da imprenditori e dipendenti, si riuniranno questa sera alle 23 davanti a Palazzo Santa Lucia per portare alle Istituzioni alcune proposte

“Siamo pronti all’ennesimo sacrificio, siamo pronti a metterci in discussione e ad abbassare autonomamente le saracinesche delle nostre attività, non abbiamo bisogno di lockdown imposti. Vogliamo essere parte attiva alla risoluzione del problema. Se si ritiene lo svolgimento dell’attività di somministrazione foriera di contagi, siamo pronti a chiudere per il bene nostro e dell’intera comunità. Siamo vicini al presidente della Regione, Vincenzo De Luca, ma chiediamo chiarezza e tempestività di intervento. Chiediamo siano salvaguardate le nostre maestranze e le nostre aziende con misure tempestive ed efficaci”. Questo l’appello della "Rete piccole e medie imprese napoletane".

Più di cento brand partenopei, rappresentati da imprenditori e dipendenti, si riuniranno questa sera alle 23, alla vigilia del coprifuoco, davanti a Palazzo Santa Lucia, per portare alle Istituzioni le loro proposte:

  1. chiediamo sostegno a livello nazionale per il tramite del Governatore;
  2. chiediamo cassa integrazione con erogazione immediata e non soggetta a tassazione per il dipendente;
  3. chiediamo differimento dell'imposizione fiscale (nazionale e locale);
  4. chiediamo credito di imposta locazioni con cessione al locatore pari ad almeno il 60%;
  5. chiediamo azzeramento costi fissi di utenze reale (e non come avvenuto in precedenza);
  6. chiediamo ristoro per i datori di lavoro;
  7. se si verificano queste condizioni, procederemo con la chiusura di tutti gli esercizi; diversamente continueremo a essere aperti.

Le imprese che hanno aderito all’iniziativa sono: 

Immacolata Michelino - A Cammisa do Re

Enzo Cavallo - Bahia Cafè

Antonio Siciliano - Bar Napoli

Raffaele Festa - Bar San Francesco

Aristide e Luca Bellone - Bellone Concept Cafè

Marco Varriale - Borgo Antico

Tiziana Bembo - Caffè Floridiana American Bar e Bistrot

Luca di Mauro - Crost 

Francesco Pervito - Dal Soldino

Luigi Marino - Fire Grill BBQ 

Stefano Meer - Friggipizza

Antonio Visconti - Funee Cucina e Caffè 

Fabio Savarese - Gioielleria Tattino

Marco Barattolo - I Sapori di Napoli

Pasqualina Mazzarella - Kekko’s pub

Fabiana Pollice - La dolce vita

Luisa Bacioterraciano - La dolce vita

Roberto Napoli - Mangianapoli Taverna Partenopea

Mario Tortora - Mario Tortora

Gennaro Pelliccia - Monidee Cafè 

Nicoletta Albino - Napoli Centrale Pub

Guido Guida - Opera Restaurant

Gennaro Vitiello - Osteria il Gobbetto 

Fabio Messina - Osteria Partenope

Salvatore Varriale - Pasticceria Varriale

Gaetano Zarelli - Pizzeria donna Sofia ai Tribunali

Lucia Serappo - Pizzeria I Decumani 

Marco Laezza - Pizzeria Laezza

Massimo e Gennaro Alvigi - Pizzeria Trattoria il Miracolo

Michele Maturo - Prodotti da forno

Danilo Vairetti - QBOO

Armando Manzo - Ristorante A casa di Armando

Gerardo o Alaia Esposito - Ristorante Pizzeria Al Cucciolo

Enzo Imperatore - Rosticceria Imperatore

Flavio De Gregorio - Tortora Pub&Grill

Carlo Stagliano - Trattoria A cucina e mammà

Pierpaolo Di Napoli - Trattoria bella Mbriana 

Piero de Stefano - Trattoria Destè

Gerardo Coppola - Wave Lounge Bar

(L’elenco è in aggiornamento)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento