Concorsone Regione Campania, ci siamo: tutto quello che c'è da sapere

Mancano poche settimane alla pubblicazione del bando, già slittata diverse volte. I requisiti, i posti disponibili, le prove

Si avvicina il maxi-concorso bandito dalla Regione Campania, con 10mila assunzioni previste nelle diverse amministrazioni locali della regione.

I contratti previsti saranno a tempo indeterminato, ma si inizierà con un tirocinio di 10 mesi (pagato 1000 euro netti al mese) a partire dal marzo 2020. Saranno ammesse ai tirocini 20mila persone, la metà delle quali – dopo una ulteriore prova selettiva – termineranno al finire dei 10 mesi la loro esperienza.

Il bando

Inizialmente per il bando era previsto fosse pubblicato in questi giorni, ma – come spiegato dal presidente della Regione Vincenzo De Luca – alcuni rallentamenti hanno posticipato di diverse settimane la procedura. L'appuntamento sulla gazzetta ufficiale dovrebbe a questo punto essere slittato a fine giugno.

Le prime indiscrezioni, come riportato da Money.it, parlano di 273 enti Regionali che hanno aderito. Si tratta di 263 Comuni (tra cui quello di Napoli), 5 Comunità montane e 2 Corti d'Appello. Alcuni posti dovrebbero essere riservati alla Provincia di Benevento, al Consorzio Asi di Salerno e all'Agenzia Regionale per il Turismo.

I profili ricercati

Interessante il fatto che, tra i vari profili professionali ricercati, alcuni siano anche per persone che hanno conseguito soltanto il diploma, e che non dovrebbero esserci né un limite d'età per partecipare né il concorso dovrebbe essere riservato ai soli residenti nel territorio regionale.

Sempre secondo Money.it, i profili ricercati dovrebbero essere i seguenti: Istruttori contabili; Ragionieri economi; Specialisti contabili; Esperti nella gestione delle entrate; Istruttori amministrativi; Specialisti amministrativi; Avvocati; Esperti di digitalizzazione dei processi amministrativi; Istruttore tecnico (geometri, periti agrari, periti chimici, perito elettronico, perito industriale); Istruttore tecnico dello sportello unico; Specialisti tecnici; Specialisti in urbanistica (architetti e ingegneri); Specialisti in materia ambientale e difesa del suolo; Energy manager; Esperti in gare e appalti; Esperti in lavori pubblici; Istruttore culturale; Aiuto bibliotecario; Animatore culturale; Gestione di impianti sportivi, musei e pinacoteche; Istruttore di vigilanza (agenti di polizia municipale); Istruttore informatico (analista, programmatore, esperto nella gestione dei siti istituzionale); Specialista in ICT; Specialista in informazione e comunicazione; Istruttore socio-assistenziale; Educatore d’infanzia; Docenti di scuole materne; Educatori nell’area dell’handicap; Assistenti sociali.

Il possibile calendario delle prove

Al momento pare che il calendario delle prove dovrebbe consistere in una prova preselettiva – quiz essenzialmente di logica e di cultura generale – tra agosto e ottobre, ed una prova scritta tra novembre e dicembre – questa sempre a risposta multipla ma su argomenti specifici alla categoria professionale per la quale si sta concorrendo. Una terza prova scritta a risposta sintetica servirà all'accertamento delle competenze tecnico-professionali richieste.

Potrebbe interessarti

  • Capri, in vendita casa da sogno con meravigliosa vista sul Golfo

  • I farmaci generici sono davvero uguali a quelli di marca?

  • Il fiore delle streghe: come riconoscere la pianta assassina e perché è pericolosissima

  • Oleandro: perché bisogna stare molto attenti a questa pianta

I più letti della settimana

  • Presunto furto in autogrill per la moglie di Gianni Nazzaro: arrestata

  • Lutto nel mondo di Un Posto al Sole, addio alla "madre" di Giulia Poggi

  • Colpo di scena: il Chelsea prova a convincere Sarri a restare a Londra

  • Tony Colombo elogia i piatti preparati dalla moglie Tina: "Donne italiane, curate i vostri mariti"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 17 al 21 giugno

  • Scuse di D'Alessio e D'Angelo: la parodia di Palma e Cicchella è virale

Torna su
NapoliToday è in caricamento