rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Economia

Caro bollette, a Napoli con il fotovoltaico domestico si risparmiano 1580 euro all’anno

E' quanto emerge dal nuovo rapporto dell’Otovo Solar Index Italy. L’importo sale a 15.800 euro in un intervallo di tempo di 10 anni

La volatilità dei prezzi dell’energia sta portando un’attenzione sempre maggiore da parte delle persone nei confronti delle fonti rinnovabili e dell’autoconsumo. Ad esempio, un impianto fotovoltaico domestico installato a Napoli permette un risparmio di 1580 euro all’anno sulle bollette rispetto al prelievo di energia elettrica dalla rete. Lo dimostra un nuovo rapporto dell’Otovo Solar Index Italy, studio sul mercato fotovoltaico domestico del Belpaese realizzato da Otovo, società norvegese impegnata ad aiutare le famiglie nell’utilizzo dell'energia solare installando pannelli sui propri tetti, che offre una panoramica sui comportamenti degli italiani in relazione alla transizione energetica. 

L’analisi ha interessato un campione di 10.000 persone residenti in alcuni dei più importanti centri urbani italiani, distribuiti tra Nord, Centro, Sud e Isole: oltre al capoluogo campano, figurano Milano, Torino, Genova, Venezia, Bologna, Firenze, Roma, Bari e Palermo. La produzione annuale di energia, considerando un impianto con potenza nominale pari a 1 kWp, si attesta mediamente su 1345 kWh, con una differenza del 18% tra Palermo, la città che riceve il maggior irraggiamento (1463 kWh) e Torino, con il minore (1238 kWh). Napoli registra un valore pari a 1430 kWh. 

Per quanto riguarda invece il dimensionamento degli impianti, a livello nazionale si colloca intorno a 5 kW, con un prezzo medio che, al netto dello sconto in fattura, è di circa 4800 euro. La potenza installata è maggiore in diverse città del centro-nord per compensare il minor irraggiamento, superando i 5 kW a Milano, Torino, Bologna e Venezia. I pannelli solari sul tetto di casa consentono di raggiungere un autoconsumo di energia elettrica del 35-40%, ma la quota può salire fino al 90% associando all’impianto un sistema di accumulo. L’interesse verso l’autoconsumo è confermato dalla quantità di impianti installati dotati di batterie (58% nel campione analizzato), con la percentuale che sale a oltre il 70% a Bologna, Firenze e Bari. La capacità media dei sistemi di accumulo è di circa 8,8 kWh. 

Lo studio, oltre al risparmio annuale in bolletta (1500 in media a livello nazionale), mostra una panoramica sui benefici economici che si possono ottenere in dieci anni con un impianto fotovoltaico domestico, tenuto conto della variazione stagionale di produttività e dell’usura dei componenti. La somma media ricavata è superiore a 15.000 euro. Vi sono però delle differenze in base alle aree geografiche. Al Nord il costo per watt è solitamente più alto rispetto alle aree del Sud, mentre la produzione è inferiore. Ciò comporta una differenza nei risparmi, che possono spaziare da circa 10.500 euro a Torino a 15.800 euro a Napoli, mentre si registrano valori superiori soltanto a Venezia (16.100 euro) e Bologna (20.000 euro). 

Parlando della tipologia di acquirenti, il 90% è composto da uomini, con un’età media di 53 anni. Queste caratteristiche si riflettono nella modalità con cui viene comprato un impianto fotovoltaico: nell’80% dei casi attraverso l’acquisto diretto, nel 20% mediante finanziamento. Le motivazioni invece che portano a scegliere l’energia solare per coprire il fabbisogno domestico sono molteplici. Il 49,1% di chi compra un impianto fotovoltaico lo fa per abbassare i costi in bolletta, mentre l’idea di indipendenza energetica e la sostenibilità ambientale costituiscono il criterio primario di selezione rispettivamente per il 26,4% e il 20,8% del campione analizzato. Inoltre, il 56,6% ritiene fondamentale puntare su un’azienda partner con cui è possibile usufruire dei bonus statali mediante sconto in fattura, subito davanti alla capacità di far fronte alle problematiche ingegneristiche e burocratiche, all’offerta di componenti di qualità e all’economicità dei prezzi. Al contrario, tra i maggiori ostacoli all’installazione, vi sono le difficoltà nell’individuazione dell’aziende per effettuare i lavori (35,3%) e l’incertezza delle agevolazioni fiscali (33,8%). 

“Il prezzo dell’energia elettrica per il cliente domestico italiano è più che raddoppiato nell’ultimo anno, registrando un aumento del 129% nel primo trimestre 2022 rispetto allo stesso periodo del 2021 (Dati ARERA). Si tratta di una crescita esponenziale, con un impatto rilevante sul portafoglio delle famiglie. Per questo motivo, in Otovo riteniamo sempre più necessario promuovere l’autoconsumo e diffondere capillarmente gli impianti fotovoltaici domestici. Si tratta di soluzioni pratiche e pronte all’uso, in grado di dare sicurezza tecnica ed economica dal punto di vista dell’approvvigionamento energetico. Senza dimenticare i vantaggi ambientali, grazie alla produzione di energia pulita locale, direttamente sul tetto di casa. Risparmio economico, indipendenza energetica, sostenibilità ambientale e affidabilità degli installatori, come emerge dal sondaggio, sono tra i criteri più importanti per le persone nella scelta di un impianto fotovoltaico. Crediamo di poter soddisfare queste esigenze, mettendo a disposizione le nostre competenze e con un obiettivo molto chiaro: rendere Otovo il partner di riferimento per chi desidera far parte della rivoluzione solare” dichiara Fabio Stefanini, General Manager di Otovo Italia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro bollette, a Napoli con il fotovoltaico domestico si risparmiano 1580 euro all’anno

NapoliToday è in caricamento