A Mugnano un asilo nido comunale: ottenuto il finanziamento

I fondi sono stati stanziati dalla Città Metropolitana, dove il 15 novembre il primo cittadino Luigi Sarnataro si è recato per sottoscrivere l'accordo

Mugnano avrà un asilo nido comunale, l'amministrazione Sarnataro ottiene l'ennesimo finanziamento. I fondi sono stati stanziati dalla Città Metropolitana, dove venerdì il primo cittadino Luigi Sarnataro si è recato per sottoscrivere l'accordo.

"Abbiamo voluto puntare su un asilo nido - spiega l'assessore ai lavori pubblici Anna Liccardo - poichè nella società contemporanea rappresenta un servizio sempre più necessario, specie per le donne, per conciliare esigenze di vita e lavoro. Il progetto ambisce a realizzare un luogo contemporaneo ed innovativo secondo le più recenti metodologie pedagogiche". Ieri a Santa Maria La Nova era presente anche l'assessore all'Urbanistica Maria Giovanna Di Maro: "Siamo felici di aver preso parte all’accordo di programma tra la città metropolitana di Napoli e i comuni. Un incontro ove le varie amministrazioni, a prescindere dal “colore” politico si sono incontrate per sottoscrivere l’accordo con il quale Mugnano è stato inserito nel parco progetti. Lavoreremo affinchè l'edificio per l'infanzia, fondamentale in ogni città che si reputa al passo con i tempi dove le donne che lavorano sono tante e si scontrano con le quotidiane difficoltà di gestione, sia realizzato nel minor tempo possibile. Ringrazio i responsabili dei settori che si impegnano unitamente ai vari dipendenti affinché l’amministrazione possa portare avanti tutti i progetti".

Entusiasta il sindaco Luigi Sarnataro: "Grazie al lavoro dell'intera giunta e alla volontà dei consiglieri e delle forze politiche che mi sostengono e che hanno voluto sostenere questa scelta, siamo riusciti ad ottenere un altro importante finanziamento. Va specificato che, al contrario delle menzogne che si diverte a scrivere il solito giornale, l'altro progetto che abbiamo presentato - relativo al palazzetto dello sport - non è stato ancora approvato non perché noi come Comune non abbiamo presentato la documentazione necessaria, ma perché la Città Metropolitana non aveva budget a sufficienza: avevamo presentato, infatti, progetti per un valore superiore rispetto a quello messo a nostra disposizione. La Città Metropolitana, che al momento non aveva abbastanza fondi, ci ha già rassicurato che verrà finanziato a maggio, invitandoci a continuare a seguire il parco progetti. A differenza di altri comuni limitrofi, come Marano, Melito o Calvizzano che non hanno ottenuto alcun fondo, siamo riusciti anche questa volta a presentare progetti validi, nei tempi stabiliti, così da ottenere ancora una volta sovvenzioni sovracomunali che ci consentono di realizzare opere utili all'intera comunità senza prendere soldi dalle casse del Comune".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 2 al 6 dicembre (giorno per giorno)

Torna su
NapoliToday è in caricamento