#natiper. Napoli porta in finale g.l.o.w, il dispositivo che aiuta a tenere sotto controllo il diabete

Countdown per la votazione di #NatiPer, il concorso promosso da AXA Italia dedicato ai progetti che, attraverso la protezione e l’innovazione, mettono al centro le persone per migliorarne la qualità della vita, generando nuove opportunità per il futuro.Napoli è tra i finalisti nella categoria salute e benessere con G.L.o.W. (Glucose Level on Wrist), un dispositivo simile a un braccialetto che monitora i livelli di glucosio senza essere invasivo e in maniera indolore.Al progetto vincitore un premio del valore di 50.000 euro.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Ancora pochi giorni per votare su www.natiper.it le video-storie degli 8 finalisti di #NatiPer, il concorso promosso da AXA Italia dedicato ai progetti che, attraverso la protezione e l’innovazione, mettono al centro le persone per migliorarne la qualità della vita, generando nuove opportunità per il futuro. Napoli è tra i finalisti nella categoria salute e benessere con G.L.o.W. (Glucose Level on Wrist), un dispositivo simile a un braccialetto che monitora i livelli di glucosio senza essere invasivo e in maniera indolore. Il suo obiettivo è quello di migliorare la vita dei pazienti affetti dal diabete. Semplice ed efficace, è composto da una serie di sensori per il fitness integrati con una patch di microaghi talmente piccoli da non raggiungere le terminazioni nervose e dunque indolore per chi lo indossa. L’illuminazione a LED segnala in tempo reale uno stato di normalità (bianco), di ipoglicemia (blu) o iperglicemia (rosso). Ad affiancare G.L.o.W nel rush finale, Abzero-X, un drone per la vita; Foodrecycle, la piattaforma per il recupero delle eccedenze alimentari, Kit dell’Empatia, il gioco e la app per diventare grandi; Mirrorable, la piattaforma cloud per una terapia a domicilio; Needo, l’asilo mobile on demand; Open Biomedical Initiative, biomedica accessibile sul web e stampabile in 3D; Start2Impact, un aiuto ai giovani talenti. Sono questi gli 8 finalisti selezionati tra i 315 candidati di #NatiPer 2017 (oltre 1.300 le proposte raccolte in 4 anni). I progetti in finale rappresentano uno spaccato significativo di uno scenario attivo e dinamico, sia per trasversalità geografica, sia per tematiche affrontate, e sono stati proposti da singoli cittadini, start up e associazioni che ogni giorno lavorano – attraverso l’innovazione – con l’obiettivo di proteggere e migliorare la società, anticipando il futuro e di supportare le persone e la salute, le professioni, l’educazione e la cultura, l’ambiente. Anche in questa quarta edizione del contest, sono migliaia i voti già pervenuti per sostenere i finalisti. C’è tempo fino all’8 ottobre per votare su natiper.it, una volta al giorno, il proprio progetto preferito e supportarne gli obiettivi di protezione e innovazione. Il voto del pubblico, infatti, incrociato a quello della giuria tecnica decreterà – entro il 19 ottobre – il progetto vincitore di #NatiPer che si aggiudicherà il premio del valore di 50.000 euro a scelta tra tre opzioni: la formazione, con la possibilità di seguire corsi o accedere a borse di studio, la fornitura di strumenti e attrezzature oppure l’opportunità di suddividere il valore totale del premio tra le due opzioni precedenti e dunque 25.000 euro dedicati alla formazione e 25.000 euro all’acquisto di strumenti. Il tutto finalizzato allo sviluppo e al supporto fattivo del progetto vincitore. In caso di vittoria, il progetto napoletano utilizzerà il premio per sostenere la fase di ricerca e sviluppo, soprattutto nella validazione dei microaghi.

Torna su
NapoliToday è in caricamento