rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024

Wine&Thecity ritorna con i suoi fasti e le sue degustazioni itineranti (Video e Foto)

Da oggi per una settimana Napoli diventa la città dove il vino è protagonista con gli appuntamenti della XV edizione della rassegna che porta il pubblico in luoghi storici e artistici poco conosciuti

Portare il bere bene in location incantevoli, anche nascoste di Napoli. E' partita da questa suggestione Donatella Bernabò Silorata quando ha ideato Wine&Thecity nel 2008 creando una rassegna diffusa per la città che unisce il vino all'arte, alla moda e alla cultura. Si è partiti organizzando degustazioni in buotique e botteghe per poi ramificarsi per Napoli coinvolgendo realtà e situazioni più disparate mettendo in campo chef stellati e produttori vinicoli che propongono al pubblico le loro eccellenze in contesti che fino a qualche anno fa poteva essere impensabile immaginare dove anche la fantasia e la creatività per osare quel tanto che basta giocano un ruolo rilevante. Non a caso la Bernabò Silorata con il suo team, composto prevalentemente da donne, amano definire il lavoro che c'è dietro Wine&Thecity come ebbrezza creativa.

In 15 anni, Wine&Thecity è diventato tra gli appuntamenti attesi della primavera dove il vino sicuramente è l'attore protagonista ma per le persone che partecipano agli eventi della rassegna c'è anche il piacere di scoprire luoghi insoliti, che probabilmente senza la convivialità e l'originalità della degustazione itinerante si sentirebbero poco motivati a conoscere.

"Ho sempre considerato Wine&Thecity come un'occasione di esplorazione urbana" afferma Donatella Bernabò Silorata durante l'inaugurazione nel complesso di Santa Maria La Nova "Noi amiamo immergere il nostro pubblico nel bello. Attraverso il vino e alle eccellenze culinarie, li portiamo in in siti storici, spazi privati, atelier di artisti e designer, boutique, giardini e cortili. Come sintetizziamo nel nostro manifesto, andiamo in luoghi mai visti o semplicemente dimenticati. Siamo nomadi e trasversali, parliamo molti linguaggi. Ci piace la contaminazione ".

Gli appuntamenti imperdibili di Wine&Thecity 2023

In 15 edizioni Wine&Thecity ha abituato i suoi affezionati seguaci a eventi scintillanti, anche curiosi, dove subito si è registrato il sold out. Le sue degustazioni diventano così esclusive pur avendo una radice pop. 

Solo durante la Pandemia ha conosciuto momenti in cui necessariamente gli itinari e gli eventi hanno mantenuto un basso profilo. Quest'anno Wine&Thecity ritorna ai suoi fasti.

Per una settimana il gruppo di Wine&Thecity, che nel frattempo è diventata anche un'associazione, ha creato una vera rete di appuntamenti pensati per ogni target di età dove ognuno può scegliere in base ai propri gusti e alle proprie tasche.

L'inaugurazione al Complesso monumentale di Santa Maria La Nova fa da anteprima al mood dell'edizione 2023.  Scegliere questa Chiesa tardo rinascimentale anche più defilata rispetto ad altre è un luogo ricco di storia e suggestioni, tra mistero (pare che qui sia sepolto Vlad III, alias Conte Dracula) e capolavori d’arte. La serata è stato un viaggio alla scoperta dello storico complesso fondato nel 1279 in cui parte del ricavato è destinato al restauro di un dettaglio storico artistico del sito. 

Inaugurazione Wine&Thecity 2023 (Foto A.Fiorenzano)

Si continua oggi in dodici alberghi della città per offrire ai turisti in arrivo un calice di benvenuto a Napoli: un welcome wine tutto partenopeo offerto dal Consorzio Tutela Vini Vesuvio con un sommelier in ogni hotel per conoscere meglio i vini del vulcano più famoso del mondo.

Il 10 maggio torna il festoso carosello di degustazioni nelle boutique del quartiere Chiaia: calici, vini e i sommelier dell’Ais Napoli entreranno in oltre 60 boutique, gioiellerie, showroom di design, gallerie d’arte. In ogni indirizzo una cantina, un vino da scoprire in abbinamento alle collezioni moda primavera-estate, dj set, allestimenti speciali, tapas e finger food, mostre d’arte e performance.

Il 10, l’11 e il 12 maggio saranno protagonisti le terrazze e i ristoranti dei grandi alberghi – il Grand Hotel Parker’s, il Royal Continental con il nuovo ristorante Otto s.l.m. e il Grand Hotel Oriente con il suo magnifico roof-top - e i ristoranti: un percorso che dà spazio al gusto, agli abbinamenti vino-cibo, alla cultura del buon bere italiano e della convivialità. Dal 9 al 12 maggio il Renaissance Naples Hotel Mediterraneo accoglie gli ospiti del ristorante ‘O Break a pranzo con un calice di vino delle Cantine Ocone. Wine tasting d’autore al Dudù Wine Bar a Chiaia il giorno 11 e arte e vino da Spazio Nea in piazza Bellini il 12 maggio.

Pizza, vino e Jazz colorano la Galleria Navarra in piazza dei Martiri il 9 maggio con una serata in giardino e un percorso enologico inedito con pregiate etichette provenienti dalla Valpolicella (Le Bignele), dai Colli asolani (Costa vini) e dall’Agro pontino (Casale del Giglio) in abbinamento alle pizze di Davide Civitiello.

Appuntamento speciale al Rione Sanità: giovedì 11 e venerdì 12 maggio, dalle ore 18 alle 20, Wine&Thecity scenderà in punta di piedi nel sottosuolo di Napoli, nell’Ipogeo dei Cristallini, ad undici metri di profondità, alla scoperta dell’antica Neapolis greca, tra pitture murali di rara bellezza. Un luogo nascosto e ritrovato, prezioso come i vini di Cantine Famiglietti che saranno offerti in degustazione.

Venerdì 12 maggio, alle ore 18, La Stufa dei Fiori Tisaneria-Bistrot, petit café nato dal recupero dell'antica serra ottocentesca dei Borbone nel Real Bosco di Capodimonte, apre per la prima volta le porte a Wine&Thecity per un esclusivo aperitivo in giardino, tra prati e alberi monumentali. Nei calici i vini di Viticoltori Lenza con Gabry, il vino prodotto da sole uve Piedirosso secondo la metodica ancestrale.

Sabato13 maggio, la wine week partenopea, si conclude nella Vigna di San Martino sulla collina del Vomero: un gioiello di storia e natura nel centro della città. La vigna, un tempo pertinenza della Certosa di San Martino, è oggi di proprietà della Fondazione Morra che ne tutela il patrimonio storico e naturalistico: un patrimonio inestimabile della città che dal 2010 il Ministero per i Beni Culturali ha dichiarato Monumento nazionale. I sette ettari di terrazzamenti sono coltivati a vigneti, orti, alberi di ulivo e frutteti e si aprono su un panorama mozzafiato sul golfo, il Vesuvio e la città: un’autentica vigna metropolitana, un piccolo scrigno di meraviglie rurali miracolosamente scampato alla speculazione edilizia grazie all’intervento del suo proprietario, Giuseppe Morra che la acquistò nel 1988 riportandola al suo originario splendore di sentieri e terrazzamenti costruiti dai monaci nel corso di sei secoli. Il programma prevede dalle ore 12 una passeggiata guidata tra i filari con pranzo contadino e vini di Cantine Astroni.

Il 20 maggio, nell’ambito dei programmi OFF City, Wine&Thecity approda in Costa d’Amalfi per la prima volta: dal pomeriggio a sera, i Giardini del Fuenti a Vietri sul Mare saranno il set speciale di un walk around tasting tra costa e mare, lungo i terrazzamenti di vite, limoni ed essenze mediterranee. Con i vini del Consorzio Vita Salernum Vites e la cucina contemporanea di Michele De Blasio executive chef dei Giardini del Fuenti.

L’8 giugno Wine&Thecity sarà a Capua al Museo Campano, tra le celebri Matres Matutae e le opere di arte contemporanea dell’artista Matilde Sambo. Gran finale in autunno, a La Reggia Designer Outlet con Fall in wine: il 28 e 29 settembre l’ebbrezza creativa di Wine&Thecity porta calici, vini e sommelier nelle boutique del centro campano del Gruppo McArthurGlen per una due giorni di degustazioni itineranti e una gioiosa shopping experience.

Video popolari

NapoliToday è in caricamento