menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Voce ‘e notte” illumina Via Nicolardi: conoscete la storia della canzone?

Fu scritta nel 1903 dal poeta e giornalista Edoardo Nicolardi, a cui è dedicata la strada. La poesia narra la storia d’amore a lieto fine tra l’autore napoletano e Anna Rossi

Per questo Natale, in virtù dell'emergenza sanitaria ed economica che ha colpito duramente la città, il Comune di Napoli ha deciso di illuminare, con le tradizionali installazioni natalizie, solo un monumento, un palazzo o un luogo simbolo di ogni quartiere, destinando il resto delle risorse ad iniziative solidali. Tra le strade “accese” dei Colli Aminei c’è Via Nicolardi, illuminata dalle parole di una delle più belle poesie d’amore di tutti i tempi: “Voce ‘e Notte”. La canzone fu scritta agli inizi del 1900 dal poeta napoletano Edoardo Nicolardi, a cui è dedicata la strada. La poesia narra la storia d’amore tra l’autore e Anna Rossi, la donna della sua vita: ve la vogliamo raccontare.

LA STORIA D'AMORE TRA EDOARDO E ANNA

Nel 1903 Edoardo Nicolardi incontrò per caso Anna Rossi, una bella brunetta di diciotto anni, sua vicina di casa: i due si innamorarono perdutamente, ma erano costretti a vivere il loro amore solamente attraverso sguardi da lontano. Un giorno, però, Edoardo si fece coraggio e si presentò a casa della ragazza per chiedere la sua mano. Il padre, Gennaro Rossi, un ricco commerciante di cavalli da corsa, gli chiese cosa volesse. Edoardo, con voce intimorita, rispose che era venuto a chiedere la mano di sua figlia. Il sig. Rossi, così, ribattè: “Che proprietà avete?”. “Nessuna, - rispose Nicolardi -, sono solo un lavoratore che farà felice vostra figlia”. Edoardo aveva da poco lasciato gli studi di Giurisprudenza per dedicarsi al giornalismo come il padre, amministratore de “Il Mattino”: a 25 anni era già redattore del noto quotidiano “Don Marzio” e per diletto scriveva poesie. Ma ritorniamo al nostro racconto: il padre della fanciulla rispose a Nicolardi, mentre lo accompagnava alla porta, che avrebbe dato in sposa la figlia solo ad un uomo ricco (come si usava a quei tempi). La giovane, poco dopo, venne, infatti, promessa in sposa a un ricco commerciante, Pompeo Corbera, cliente di suo padre, di trentacinque anni più di grande di lei, ma con molte proprietà da portare in dote. Anna cercò di opporsi con tutte le sue forze, ma inutilmente, dopo due mesi fu, infatti, obbligata a sposare Pompeo Corbera, con cui andò a vivere in un palazzo in Via Santa Teresa. Ma Nicolardi non si arrese: tutte le notti si recava sotto casa degli sposi con la speranza di potere ancora una volta incontrare lo sguardo di lei. Una notte Eduardo ebbe la sensazione che Anna lo stesse guardando dietro le tende del balcone, pur non potendolo incontrare. Ispirato, corse subito al Caffè Gambrinus, aperto in quel periodo anche di notte, e scrisse di getto i versi della canzone, musicata da Ernesto De Curtis: "Voce ‘e notte”. Il fato premiò la perseveranza di Eduardo: un anno dopo il matrimonio il marito di Anna morì e Nicolardi riuscì finalmente a sposare la sua amata. Il loro matrimonio fu molto felice e durò quasi 50 anni: i due ebbero anche otto figli.

Testo della canzone “ Voce 'e notte”: 

Si 'sta voce te scéta 'int''a nuttata,

mentre t'astrigne 'o sposo tujo vicino...

Statte scetata, si vuó' stá scetata,

ma fa' vedé ca duorme a suonno chino...

Nun ghí vicino ê llastre pe' fá 'a spia,

pecché nun puó sbagliá 'sta voce è 'a mia...

E' 'a stessa voce 'e quanno tutt'e duje,

scurnuse, nce parlávamo cu 'o "vvuje".

Si 'sta voce te canta dint''o core

chello ca nun te cerco e nun te dico;

tutt''o turmiento 'e nu luntano ammore,

tutto ll'ammore 'e nu turmiento antico...

Si te vène na smania 'e vulé bene,

na smania 'e vase córrere p''e vvéne,

nu fuoco che t'abbrucia comm'a che,

vásate a chillo...che te 'mporta 'e me?

Si 'sta voce, che chiagne 'int''a nuttata,

te sceta 'o sposo, nun avé paura...

Vide ch'è senza nomme 'a serenata,

dille ca dorme e che se rassicura...

Dille accussí: "Chi canta 'int'a 'sta via

o sarrá pazzo o more 'e gelusia!

Starrá chiagnenno quacche 'nfamitá...

Canta isso sulo...Ma che canta a fá?!..."

La canzone è stata interpretata dai più grandi esponenti della musica partenopea (come Roberto Murolo, Lina Sastri e Pietro Valli) e italiana (come Claudio Villa), nonché da artisti stranieri. Tra le interpretazioni più famose vi è quella cantata da Peppino di Capri, nel 45 giri At Capri you'll find the fortune/Voce 'e notte, inciso nel settembre 1959, che raggiunse le prime posizioni della hit parade dei dischi più venduti in Italia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Gomorra 5, la stagione conclusiva è alle porte: anticipazioni puntate

Attualità

Mina Settembre, anticipazioni puntata 31 gennaio

Attualità

Mina Settembre, è ancora un trionfo di ascolti per la serie "napoletana"

Arredare

Vomero: apre un mega Scavolini Store

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento