menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Studenti stranieri in visita al "Morante": tra lezioni e visite guidate con gli alunni di Scampia

Cinque giorni tra lezioni, laboratori e visite guidate alla scoperta di Napoli per alcuni giovani studenti turchi e tedeschi in visita, per 5 giorni, alla scuola di Scampia

Prosegue, al Liceo "Elsa Morante" di Scampia, il progetto di interscambio culturale con l'estero "Eurofuture: changing places" che gemella la scuola partenopea con altre del Regno Unito, Spagna, Germania, Polonia e Turchia.

In autunno, alcuni dei ragazzi del liceo napoletano sono stati in visita in Spagna, vestendo per un giorno anche i panni degli insegnanti.
A marzo, invece, sono stati giovani studenti turchi e tedeschi a venire in visita, per 5 giorni, alla scuola di Scampia, ospitati, come prevede il programma, dalle famiglie degli alunni che partecipano al progetto. 

I ragazzi, racconta a Napoli Today la professoressa Marina Stravolo, hanno trascorso tre giorni a scuola partecipando a lezioni e laboratori preparati appositamente per loro. E anche a loro è toccata la bella esperienza di poter tenere una vera e propria lezione, nello specifico una “lezione di storia, lingua e cultura". Un'esperienza divertente, certo, ma soprattutto molto formativa sia per gli studenti-insegnanti che per l'intera classe in ascolto. 

Gli studenti stranieri sono stati anche accompagnati in visita alla scoperta di Napoli e a far loro da guida sono stati gli stessi ragazzi del Morante. Nei giorni di interscambio, tutti vengono coinvolti: gli studenti, gli insegnanti e l'intera scuola, le famiglie. Un'opportunità per superare luoghi comuni e pregiudizi e scoprire quanto le diversità, in realtà, siano sempre ricchezza.

Un'esperienza che ancora una volta si è rivelata entusiasmante per i ragazzi, ma anche importante dal punto di vista sociale e culturale: "While we were saying goodbye we knew that we had new friends, new family members back in Naples. And they also knew for sure they could come to ?stanbul anytime", è il commento dell'insegnante turca Ozlem nel suo report. Nuovi amici, dice la professoressa turca, nuovi membri di famiglia che saranno i benvenuti a Istanbul. La dimostrazione che in pochi giorni, superando qualsiasi problema di lingua, si sono stretti rapporti fortissimi, al di là di pregiudizi e differenze culturali e religiose.
 
"È stata una bellissima esperienza che mi ha portato a capire quanto sia meravigliosa la diversità e di quanto nonostante queste diversità ci siamo sempre intesi, sempre interessati l'uno all'altro e sempre rispettati" spiega, invece, la studentessa Melissa. 

Le fanno eco Alessia e Nadia: "Sono progetti come questi - dice Alessia - che fanno sì che gli studenti siano in grado di progettare il loro futuro in pieno, perché queste esperienze fanno si che la nostra mente sia aperta a ciò che è il mondo in tutte le sue sfaccettature senza mai limitarsi", "È un’occasione per scoprire che la vera realtà delle cose - spiega Nadia - è ben diversa dall'apparenza. Ringrazio tutto ciò, poiché ha permesso di accrescere in me la passione di viaggiare e di scoprire nuove culture. Un'esperienza che rifarei altre mille volte".

Un'esperienza entrata nel cuore anche dei genitori degli studenti coinvolti. "Stasera la mia famiglia aveva gli occhi lucidi. Io un nodo alla gola. Grazie per averci regalato un mondo di emozioni racchiuse in un piccolo nome HASAN", queste le parole della mamma di un alunno subito dopo aver salutato il giovane studente straniero che ha ospitato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Vitamina E, Covid e sesso. Cosa sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento