menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Istituto Gadda-Fermi

Istituto Gadda-Fermi

Dalla teoria alla pratica, studenti del Gadda-Fermi e Capitaneria di Porto insieme

Gli studenti dell'Istituto tecnico Industriale Gadda-Fermi hanno preso parte a operazioni con l'utilizzo di droni nel Golfo di Napoli con scopo formativo, insieme alla Capitaneria di Porto

I giovani e il mare, un incontro produttivo tra gli studenti dell'Istituto Tecnico Industriale Gadda-Fermi e la Capitaneria di porto di Napoli. I militari della Capitaneria di Porto, guidati dal Contrammiraglio Arturo Faraone, a partire dall'inizio di dicembre, hanno accolto gli studenti dell'istiuto scolastico per mettere in pratica ciò che i ragazzi hanno studiato tra i banchi di scuola. 

Sono state organizzate due giornate a tema, durante le quali un gruppo di studenti ha effettuato delle attività con l’ausilio di droni aerei, marini, e sottomarini, finalizzate a simulare operazioni di soccorso e salvataggio in mare ed ispezione e recupero di materiali inquinanti, avvalendosi della formazione specifica del personale della Guardia Costiera e prevedendo delle uscite in mare a bordo delle unità navali del Corpo.

L'impiego di droni subaquei è stato messo in pratica anche durante l'operazione Pollex, tenuta all'inizio del mese di dicembre, con il coinvolgimento degli operatori marittimi e portuali napoletani, durante la quale sono stati utilizzati per documentare la messa a mare delle panne anti-inquinamento e l’attivazione delle barriere idrauliche presso la darsena Acton durante l’esercitazione. Un progetto importante, in cui gli studenti hanno avuto l’opportunità di passare concretamente dalla teoria alla pratica, sviluppando progetti di assoluto valore e sperimentando le capacità operative dei droni ideati da loro.

Le attività didattiche proposte dal dirigente scolastico dell'Istituto Gadda-Fermi, Natale Bruzzaniti, hanno visto l’intervento degli equipaggi delle motovedette del Corpo e del personale del 2° Nucleo Sub della Guardia Costiera di Napoli e si collocano all’interno delle attività progettuali del Laboratorio Sperimentale Dronico dell’ITI Fermi Gadda, cui referenti sono i professori Enrico Maiorino ed Antonella Galiuto, e prevedono inoltre la partecipazione del Prof. Raffaele Iervolino del Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell'Informazione dell’Università Degli Studi di Napoli Federico II.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento