rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cultura

Teo Teocoli al Teatro Bellini dal 28 ottobre 2009

Si intitola 'La Compagnia dei giovani' e promette molti personaggi, moltissime risate e qualche amarezza. Parliamo dello spettacolo “La compagnia dei giovani” che Teo Teocoli terrà dal 28 ottobre 2009 al teatro Bellini

"Parlo della mia vita. E ne ho da raccontare". Così Teo Teocoli invita a teatro il suo pubblico per il suo nuovo 'one man show' con cui debutterà il 28 febbraio al Teatro Bellini.

Si intitola 'La Compagnia dei giovani' e promette molti personaggi, moltissime risate e qualche amarezza. Solo sulla ribalta, con i suoi monologhi, le sue maschere 'storiche' , le sue canzoni, Teocoli sarà di volta in volta accompagnato da 'comici improbabili' che a sorpresa si avvicenderanno accanto a lui. Un nome fra tanti quello di Toni Dallara, indimenticato cantante degli anni Cinquanta, vincitore a Sanremo in coppia con Renato Rascel: uno di quegli artisti - spiega Teocoli - che sono stati famosi e sono spariti, magari per continuare all'estero una gloriosa carriera, come Nicola di Bari, Toto Cotugno, I Ricchi e poveri."

Per Teocoli lo spettacolo è anche il modo di saldare qualche conto aperto col mondo dello spettacolo, soprattutto con la tv. "Ho fatto tante proposte, ma nessuno mi chiama" dice con un filo di amarezza. "Andrei volentieri a Sanremo (ci sono stato tre volte come imitatore), ma non mi hanno chiamato. Mi sono offerto per condurre 'Affari tuoi', ma hanno preferito Pupo. Mi sarebbe piaciuto fare il terzo giudice a X factor, e hanno preso la Claudia Mori. Sarei stato volentieri accanto a Simona Ventura a 'Quelli che il calcio', lei ne era felice; ma non se ne è fatto nulla..." E i rapporti con Celentano, il più famoso forse dei personaggi da lei imitato? " Io credo di dover sfatare questa grande amicizia. In realtà lui non è che mi abbia dato delle chanches. E' un grande, un grandissimo , ma si fa i fatti suoi. E poi vive in simbiosi con Claudia Mori. Lo conosco tanto bene che volevo scrivere un musical su di lui: ma non mi ha dato i diritti delle sue canzoni. Impossibile fare carriera accanto a lui". E dei suoi colleghi più giovani, che ne pensa? "Per la verità io non vado a teatro, né al cinema, vedo poco la tv e abito a Formentera. Li conosco poco: mi pare che raggiungano il successo molto prima di noi, che facevamo lunghe gavette al Derby o in altri piccoli palcoscenico. Ma quel che conta non è arrivare: il difficile è durare e pochi ci riescono".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teo Teocoli al Teatro Bellini dal 28 ottobre 2009

NapoliToday è in caricamento