menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al Pan “Sogni di carta” di Agata Piromallo Gambardella

Con l'autrice ha discusso anche il filosofo Aldo Masullo

Presentato al Pan - sempre più polo e fucina della cultura partenopea - il libro "Sogni di Carta" di Agata Piromallo Gambardella. A discutere con l'autrice il filosofo Aldo Masullo, il giornalista Marco Demarco, l'assessore alla cultura Nino Daniele e la professoressa Giuliana Scalera McClintock. Solo posti in piedi in sala, affollata da accademici, filosofi, insegnanti e tante amiche che non hanno rinunciato a farsi autografare il volume  .

"Il senso della vita è non arrendersi mai e continuare a cercare" ha detto Daniele, "ed è questo uno dei messaggi del libro". "Sono stato letteralmente sedotto da questo libro per il modo in cui mi ha raggiunto - ha spiegato Demarco - la prefazione per me è stata un amo e poi, leggendo, è stato un crescendo. Anche perché è un romanzo singolare, a tesi, nessuna banale, di cui la più forte è l'interrogativo quasi shakespeariano "leggere o agire?". Sembra scontato e invece è la prima volta in assoluto che le due azioni sono poste in contraddizione e contrapposizione tra loro".

"Il libro è come un ospite che bisogna scegliere, accogliere e con cui bisogna conversare e che tuttavia non può diventare il nostro guidatore - ha detto Aldo Masullo -  all'interrogativo la vita o il libro? Io dico: la vita e il libro. Una vita senza libro è privata del suo fondamento. Ma con la vita non bisogna mai perdere il contatto. 

Vale la pena leggere questo libro - ha aggiunto il filosofo - mi ha emozionato, innanzitutto perché vi ho riconosciuto persone a me care. Mi ha colpito però soprattutto per la sua potenza narrativa. Ho goduto della sua lettura, con quel gusto intesocome capacità di entrare in contatto con le cose"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento