La Repubblica della bellezza, Napoli riparte da musei e spazi culturali

Riaprono, progressivamente e secondo le linee guida governative per l’emergenza Covid-19, i siti museali della città. La maggior parte di essi lo farà il 2 giugno, festa della Repubblica

PAN, foto comune.napoli.it

Riparte la cultura, riparte la socialità nei luoghi migliori della città. Dal 18 maggio stanno progressivamente riaprendo i siti museali della città, fruibili secondo le linee guida diramate dal Governo su proposta del Comitato Tecnico Scientifico istituito per l’emergenza Covid-19.

La maggior parte di essi lo farà il 2 giugno, festa della Repubblica, data simbolica per eccellenza, che sarà declinata quest’anno sui valori costituzionali (art. 9) che assurgono la cultura a valore fondamentale e inseriscono tra i principi fondamentali la disposizione che impegna la Repubblica a promuoverne lo sviluppo.

Il Comune di Napoli - si legge in una nota - con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo si è impegnato a coordinare queste riaperture dopo il drammatico ma necessario lockdown di questi mesi organizzando con gli altri siti culturali cittadini la giornata del 2 giugno denominata ‘la Repubblica della bellezza’.

Maschio Angioino e PAN, per iniziare, con due importanti mostre e poi un calendario progressivo di riaperture durante il mese di giugno.

Spiritus Mundi che inaugura di fatto il 2 giugno è il titolo della doppia personale di Hermann Josef Runggaldier e Mario Ciaramella nella Cappella Palatina del Maschio Angioino. A cura di Marco Izzolino e Carla Travierso, prodotta e ideata da Andrea Aragosa per Black Tarantella e promossa dall'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, la mostra si potrà visitare gratuitamente. In esposizione più di 50 sculture di varie dimensioni, a tutto tondo e a rilievo.

“Tempo, sintesi e colore" al Pan, che ha inaugurato solo due settimane prima del lockdown. Il mondo ‘Sotto Sopra’ di Hassan, trentatreenne, figlio di madre italiana e padre egiziano, allievo di Alberto Garutti, grande esponente dell’arte contemporanea italiana che ha realizzato questo suo nuovo viaggio come un rito di passaggio, un cambiamento, un passo oltre il suo già visto.

L’obiettivo comune è ripartire, in sicurezza, dalla cultura, promuovendo i siti, il turismo cittadino, quello di prossimità, e non ultimo per importanza, promuovendo una ripresa della socialità.

Il Pan sarà aperto tutti i giorni dalle ore 9.30 alle ore 19.30. Domenica dalle ore 9.30 alle ore 14.30. Martedì chiuso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Maschio Angioino dal lunedì al sabato 8.30/19.00; sarà possibile prenotare quotidianamente le visite attraverso il sistema di prenotazione on Line Si.ri.p.Arte (sistema di ricezione delle prenotazioni per l’arte).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di De Luca: "Misure drastiche. Si blocca la movida"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 28 settembre al 2 ottobre: tra proposte di matrimonio e figli legittimi e non

  • Lutto nel mondo del cinema e del teatro: è morta Rossella Serrato

  • Coronavirus, primo alunno positivo in Campania: chiusa la scuola

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

  • Elettra Lamborghini: con Napoli è vero amore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento