rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Cultura

Università in lutto, si è spento il professore e ingegnere Renato Lamberti

Insignito del titolo di “Senatore emerito dell’ordine degli Ingegneri di Napoli” per aver onorato la professione per oltre 50 anni, era stato titolare della cattedra di "Progetto di strade"(indirizzo Civile/Trasporti) e di quella di “Valutazione economica e ambientale delle infrastrutture viarie” (indirizzo Ambiente e Territorio) nella Facoltà di Ingegneria dell'Università “Federico II"

Si è spento all'età di 79 anni Renato Lamberti, stimato docente universitario. Laureatosi in Ingegneria Civile, sezione Trasporti, nel 1966, ha ricoperto per decenni e con merito il ruolo di titolare della cattedra di "Progetto di strade"(indirizzo Civile/Trasporti) e di quella di “Valutazione economica e ambientale delle infrastrutture viarie” (indirizzo Ambiente e Territorio) nella Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Napoli “Federico II”.

Conosciuto e apprezzato anche a livello internazionale con la docenza di “Costruzione di strade ed aeroporti in ambiente amazzonico” presso il “Centro de investigacion del Transporte” di S. Cruz de La Sierra - Bolivia.

Aveva all'attivo nella sua lunga carriera anche importanti pubblicazioni scientifiche.

PREMI E RICONOSCIMENTI PROFESSIONALI

- Premio internazionale Sebetia Ter 1991 per “Progettazione di opere d’ingegneria” in relazione alla LTR 90 tratta Augusto-Piedigrotta

- Premio Nazionale IN/ARCH 1991-92 per l’intervento di ristrutturazione urbanistica del Casale di Barra nell’ambito del Programma Straordinario ex Titolo VIII della L 219/81 quale coordinatore del gruppo di progettazione

 Premio “Gubbio 2000 - Sezione Nazionale” per il progetto della nuova sede dell’Amministrazione provinciale di Pordenone

- Insignito del titolo di “Senatore emerito dell’ordine degli Ingegneri di Napoli” per aver onorato la professione per oltre 50 anni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università in lutto, si è spento il professore e ingegnere Renato Lamberti

NapoliToday è in caricamento