rotate-mobile
Cultura

Parlare senza dire nulla e vivere senza esistere: i millennials raccontati da 2 autori napoletani

Dialoghi muti e musica da Spotify, un libro-gioiello per comunicare l'incomunicabilità

Punti di Svista (Lfa Publisher) è il romanzo, scritto a 4 mani e nato da un’amicizia, del duo di autori napoletani Antonio Sepe e Stefania Gimmelli.

Frutto di mesi di confronto, il racconto si snoda tra pensieri ed emozioni che i protagonisti, Sofia e Luca, coppia in crisi, non hanno il coraggio di dirsi e talvolta non riconoscono neanche a se stessi. Protagonisti di Punti di Svista non sono ragazzini alle prese con i primi amori o le prime decisioni importanti, ma adulti scontenti del rapporto che hanno con il mondo circostante, con gli altri e soprattutto con se stessi. Una condizione - spiegano gli autori - che accomuna molti nati negli anni '80 e '90, che anagraficamente avrebbero dovuto, ormai, essersi “costruiti una vita”, ma che sempre più percepiscono effimero lo scopo dei sacrifici nel lavoro come nel quotidiano.

Mentiamo, lo sappiamo. E' il nostro accordo tacito

La vacuità della relazione che portano avanti e la quotidianità senza stimoli pesano sulla coscienza della coppia, che più di tutto teme la solitudine. Per evitarla, spesso non si riesce a far altro che raccontare bugie: “Mentiamo, lo sappiamo. È il nostro accordo tacito”, dicono i protagonisti.

Gli autori dunque si fanno carico di raccontare l’incapacità di comunicare e il senso di impotenza e fallimento: “Tutto è partito da una telefonata, volevo scrivere un romanzo che parlasse di relazioni, di una coppia e ho subito pensato ad Antonio, con il quale abbiamo spesso condiviso varie riflessioni sul tema negli ultimi anni - racconta Stefania Gimmelli - Il titolo era già nella mia testa mentre parlavo. Nei rapporti, molto spesso, ci capita di idealizzare piuttosto che cercare la verità, nell’epoca dell’ipercomunicazione paradossalmente non comunichiamo mai davvero. Luca e Sofia rappresentano una generazione fragile, che oggi fatica ad affermarsi ed accettarsi”.

È questo il grosso limite dei due personaggi della storia ed è questo quello che più ci tenevamo a raccontare - aggiunge Antonio Sepe - Credo sia un problema della nostra generazione, ma l’incomunicabilità tra persone sta raggiungendo livelli altissimi ed è strano perché ogni giorno apriamo mille chat, discorsi o conversazioni, ma sono vuote. Come il balloon di un fumetto completamente bianco. Parliamo e non diciamo nulla”.

Per dare concretezza a queste difficoltà, allora, gli autori non si sono limitati a scrivere in prima persona dai punti di vista dei loro personaggi, ma si sono scambiati di posto alternandosi tra Luca e Sofia, oltre a inserire diverse forme di comunicazione: un diario personale, la visita dallo psicologo, le chat e le telefonate con gli amici, la musica che amplifica le sensazioni, fornendo un’ulteriore chiave di lettura in cui tanti lettori potranno ritrovarsi; anche per questo, sono state create due playlist su Spotify, per un’esperienza di lettura più immersiva e multimediale. A tutto questo fa da copertina l’illustrazione di Cecilia Formicola, che ha disegnato un momento nel quale gli autori hanno rivisto Sofia e Luca nella loro intima inquietudine.

Gli autori

Antonio Sepe è nato a Napoli, classe 1985, laureato in Sociologia con indirizzo Comunicazione e Media, è uno sceneggiatore/storyteller part-time e un sognatore a tempo pieno. Ha pubblicato una serie a fumetti (Capitan Napoli, Remer Comics) ed è ideatore e co-conduttore di un podcast: Mu.Li Musica e Libri. Da sempre divoratore seriale di cultura pop, attualmente è impegnato con lo studio del Digital Marketing. Punti di svista è il suo primo romanzo.

Stefania Gimmelli è nata a Napoli il 22 agosto 1985. Nel 2009 si è laureata in Lingue e Letterature straniere con indirizzo in Lingue, Letterature e Culture dell’Europa e delle Americhe. Si occupa di Comunicazione e Marketing e attualmente si sta specializzando in Digital Marketing, sviluppando competenze come Social Media Strategist e SEO Copywriter. Collabora con blog e magazine online di musica, cinema e libri.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parlare senza dire nulla e vivere senza esistere: i millennials raccontati da 2 autori napoletani

NapoliToday è in caricamento