Nasce il progetto "eipass": il passaporto contro la violenza di genere

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Si svolgerà giovedì 28 settembre, dalle ore 19 alle ore 21.30, nel prestigioso cortile della Fondazione Banco di Napoli, in via dei Tribunali 213 a Napoli, la presentazione della campagna di crowdfunding per il progetto “EIPASS (Educazione, Informazione, Partecipazione Attiva, Socialità, Sport) - Il passaporto contro la violenza di genere”. La serata sarà l’occasione per riflettere e discutere di un problema di grande attualità, quale la violenza contro le donne. «Una questione che può essere affrontata solo con la consapevolezza e la partecipazione di tutti, dalle istituzioni alle organizzazioni del Terzo settore, che non può prescindere dal coinvolgimento diretto dei cittadini - spiegano gli organizzatori - . Occorre che tutti diano il proprio contributo, ognuno col proprio ruolo, per costruire quella rete a maglie fitte dove ogni singola persona rappresenta un filo portante che, annodato agli altri, ne garantisce la tenuta. Una metafora che rende bene il senso delle sinergie necessarie per conoscere e contrastare il fenomeno e per creare le condizioni affinché questa problematica possa essere combattuta e, quantomeno, circoscritta». Il progetto, ideato dall'associazione di volontariato “Città senza Periferie” e dal Consorzio di cooperative sociali “Proodos”, sarà avviato entro la fine del 2017 sul territorio gravitante l'area dell'aeroporto di Napoli (ossia San Pietro a Patierno, Secondigliano e Capodichino) con l'obiettivo di sostenere le donne che subiscono violenza, in tutte le sue manifestazioni, accompagnandole in percorsi di consapevolezza, autodeterminazione ed emancipazione. “EIPASS” gode del sostegno di “Gesac - Aeroporto Internazionale di Napoli”, da sempre al fianco delle organizzazioni impegnate sul territorio per il bene comune e di “Meridonare” che, attraverso la sua piattaforma di crowdfunding (www.meridonare.it), facilita la raccolta di fondi on line per l'attivazione e la realizzazione dell’iniziativa. Il progetto vedrà inoltre, nella sua fase attuativa, la collaborazione di Mestieri Campania - Agenzia per il Lavoro e S.S.D. Stella Splendente.

Torna su
NapoliToday è in caricamento