rotate-mobile
L'iniziativa

Le figure del presepe napoletano protagoniste di un cartone animato

L'iniziativa che racconta Napoli partendo dalla tradizione

Modelli di figure del presepe napoletano a disposizione della cinematografia in cartoni animati, 6 prototipi per narrare con l'animazione cinematografica uno dei simboli di Napoli e della Campania. C'è anche questo progetto - si chiama 'La notte della stella' - nel contenitore "Il Presepe Favoloso e altre storie", mostra antologica realizzata dalla bottega de 'La Scarabattola' dei fratelli Scuotto a cui è stato dato il via nel complesso di Santa Maria della Sanità e che rilancia l'apertura al pubblico del Presepe Favoloso, inaugurato un anno fa, per il periodo natalizio (fino al 6 gennaio). Una serata-evento per presentare anche il libro 'Il presepe favoloso del rione Sanità' (Edizioni San Gennaro, fotografie di Sergio Siano, scritti di Pietro Gargano, Paolo Giulierini, Federico Vacalebre, Peppe Barra, Gianluigi Freda) e per ascoltare le musiche eseguite dall'orchestra giovanile Sanitansamble, diretta dal maestro Paolo Acunzo, alla presenza dell'attrice Aurora Quattrocchi, che nel film Nostalgia di Mario Martone - candidato agli Oscar - ha rapito critici e pubblico essendo stata capace di personificare lo 'spirito' del Rione Sanità.

All'attrice siciliana è stata dedicata una riproduzione da gitana in terracotta che andrà ad arricchire le figure del Presepe Favoloso. Il 24 dicembre 2021 nella sagrestia fu inaugurato "Il Presepe Favoloso", opera monumentale (360 x 270 centimetri e alta 220 centimetri) che i fratelli Scuotto, in collaborazione con il restauratore e scenografo presepiale Biagio Roscigno, hanno donato al Rione in occasione dei 25 anni di attività della loro bottega che "reinterpreta con modernità e creatività la tradizione presepiale napoletana" come è stato evidenziato nella kermesse. Un dono alla cui realizzazione hanno contribuito il Diarc dell'Università Federico II per la progettazione della teca espositiva e diverse aziende. "Vogliamo prestare il lavoro del presepe alla cinematografia - spiega Lello Scuotto - e per questo con lo sceneggiatore e regista Nicola Barile stiamo lavorando al progetto ''La notte della stella' per il quale presto ci sarà un'anteprima, progetto che proporremo alle diverse produzioni. Nei nostri lavori presepiali raffiguriamo anche il male, il diavolo, ma per depotenziarlo e cerchiamo di collegare la tradizione alla modernità. È in questo quadro che si inserisce il progetto per l'animazione cinematografica"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le figure del presepe napoletano protagoniste di un cartone animato

NapoliToday è in caricamento