menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Partenopolitani", il documentario tv in otto episodi

Un documentario TV composto da otto episodi, ognuno dei quali è dedicato ad un personaggio napoletano del mondo della cultura e dello spettacolo. Una video intervista di 26 minuti che evidenzia anche il quartiere dove ciascuno è nato e cresciuto

Un documentario TV composto da otto episodi, ognuno dei quali dedicato ad un personaggio napoletano del mondo della cultura e dello spettacolo. Una video intervista di 26 minuti che, oltre a raccontare la storia personale e professionale dell’artista, evidenzia i luoghi che ne sono stati la scena; il quartiere dove ciascuno è nato e cresciuto, gli ambienti urbani dove è iniziata la carriera, quelli che hanno fatto da sfondo alle creazioni artistiche o letterarie o semplicemente, il quartiere di elezione.

Questo è "Partenopolitani", il progetto ideato dal regista Carlo Damasco

Nei racconti degli intervistati le biografie si mescolano alla storia delle trasformazioni della città, testimoniate dai ricordi dei protagonisti che daranno il proprio sentire ai luoghi visitati, scoprendone e, addirittura, a volte inventandone, la forza simbolica.

A corredo di queste speciali narrazioni, le interviste sono accompagnate da fotografie e filmati d'epoca, brani di cronache e altri reperti letterari, corredati anche da testimonianze di abitanti dei luoghi evocati. Nello sviluppo del documentario, progressivamente, le biografie dei personaggi si confondono con la più ampia biografia della città, del proprio concetto di città, cioè quella percepita, conosciuta, sognata, fatta propria e restituita come scena della vita e di conseguenza, delle invenzioni artistiche o letterarie dei protagonisti. po' alla volta emerge il Genius loci, quell'entità soprannaturale che custodisce il senso di un luogo- così come ciascuno lo sente e la ragione del legame fra l'artista e la città.

La domanda di fondo, su cui si specula, è se si tratti di un legame necessario o meno e se questo costituisca un limite o una risorsa. Quesiti ancora sempre attuali per ciascun abitante della città di Napoli. Otto interviste sceneggiate, per quanto possibile, con un duplice motivo d'interesse: le biografie di protagonisti della storia delle arti e dello spettacolo e brani di storia urbana raccontati in maniera originale, che partono dall’io narrante, quindi ben lontane dalla freddezza dell’approccio specialistico.

Gli episodi in programma: Bagnoli di Patrizio Rispo, i Quartieri Spagnoli di Enzo Gragnaniello, la Sanità di Roberto De Simone, Secondigliano di Peppe Lanzetta, Poggioreale di Patrizio Oliva, il Centro antico di Mirella BarraccoSanta Lucia di Massimo Ranieri.

La presentazione del progetto e la proiezione del primo film “Bagnoli” con Patrizio Rispo è fissata per sabato 5 novembre, alle ore 18,00, al PAN di Napoli. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, de Magistris sul contagio: "Zona rossa sempre più verosimile"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento