rotate-mobile
Cultura

Il Palazzo Reale di Napoli diventa museo autonomo

Le principali novità emerse dalla riorganizzazione del Mibact. I Girolamini diventano biblioteca nazionale

Il Palazzo Reale di Napoli diventa museo autonomo. E' questa una delle principali novità emersa dalla riorganizzazione del Mibact, approvata dal Consiglio dei Ministri e presentata dal Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini.

Con il ritorno del turismo al MiBACT nascono, dunque, dieci nuovi musei autonomi e dieci nuove soprintendenze; tre nuove direzioni generali – turismo, creatività contemporanea, sicurezza del patrimonio culturale. Nasce l’Istituto per la digitalizzazione del patrimonio, la Digital Library italiana; la Soprintendenza Nazionale per l’Archeologia Subacquea; il rafforzamento dell’Archivio Generale dello Stato di Roma e della rete degli archivi; il potenziamento dell’autonomia degli istituti scientifici del Ministero e delle biblioteche a partire da quella dei Girolamini di Napoli, che diventa biblioteca nazionale.

"L’autonomia funziona - ha dichiarato il Ministro Franceschini – e in questi anni ha portato sicuramente maggiori visitatori, ma è stata soprattutto un ottimo strumento per modernizzare i musei italiani e rafforzare la tutela e la produzione scientifica. I dati parlano chiaro: l’incrocio tra riforma e qualità dei direttori si è dimostrato un mix vincente per il sistema museale italiano". 

I nuovi musei autonomi sono stati scelti in base alla rilevanza dei luoghi e delle collezioni, alle potenzialità di sviluppo, alla distribuzione geografica, agli elementi storico artistici, alla sostenibilità economica, agli impatti sociali sulle comunità. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Palazzo Reale di Napoli diventa museo autonomo

NapoliToday è in caricamento