Sfida tra pizzaioli da ogni parte del mondo: partone le Olimpiadi della Vera Pizza Napoletana

Organizzata dall'Associazione Verace Pizza Napoletana, la competizione vedrà sfidarsi 150 pizzaioli tra italiani e stranieri, da 20 nazioni diverse

I 35 anni di Avpn, Associazione Verace Pizza Napoletana, saranno occasione di una delle più grandi competizioni sulla pizza: le Olimpiadi della Vera Pizza Napoletana. La gara intercontinentale si disputerà nel corso della convention internazionale di scena da oggi a mercoledì presso la sede Avpn di Capodimonte.

L'associazione ha chiamato a raccolta i più grandi pizzaioli al mondo, che si sfideranno tra margherite, marinare e ogni pizza possibile ma sempre in linea con la gastronomia napoletana. Saranno presenti ai forni circa 150 pizzaioli tra italiani e stranieri, da 20 nazioni partecipanti in totale con oltre 1000 operatori attesi. La sfida vedrà l'obiettivo di raggiungere medaglie in una gara singola ed in una gara per Paese.

Sono 77 i professionisti provenienti dall'Italia, naturalmente con la Campania maggiormente rappresentata. Numerosi anche i giapponesi, 21, e gli statunitensi, 11.

Inoltre, quaranta giovani promesse gareggeranno in un concorso loro dedicato, per gli under 35. Si tratta di pizzaioli che hanno superato difficili gironi intercontinentali di qualificazione che avevano in totale ben 300 concorrenti.

La premiazione è in programma mercoledì, nel corso della serata di gala "Pizza con le Stelle", alla quale parteciperanno numerosi vip.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Eruzione Campi Flegrei, simulata l'evacuazione anche a Napoli

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

  • La migliore pizza fritta del mondo è di Melito: per celebrare il titolo pizze gratis per tutti

Torna su
NapoliToday è in caricamento