Sapete perché si dice “Nun ce stanno né Ssante, né Mmaronne”?

L’espressione napoletana viene utilizzata per riferirsi a un soggetto talmente testardo che nessuno riuscirebbe a far ragionare

Perchè si dice “Nun ce stanno né ssante, né mmaronne”? A spiegarcelo è il libro “Come se penza a NNapule. 2500 modi di dire napoletani", commentati da Raffaele Bracale e a cura di Amedeo Colella.

Letteralmente significa “Non ci sono né santi, né Madonne (bastevoli a..)". Icastica espressione che in maniera più contenuta (in quanto rispettosamente chiama in causa solo i santi e/o la Vergine) richiama quella della lingua nazionale: non c’è barba di padreterno di analogo senso. Sia la locuzione napoletana che quella della lingua nazionale è riferita ad un soggetto pervicace, caparbio, testardo che nessuno, neppure se si trattasse dei santi o della Madonna e di un loro intervento, potrebbe far recedere da un incaponimento, un’ostinazione, una cocciutaggine, un puntiglio, un capriccio, una fisima quasi mai razionali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

Torna su
NapoliToday è in caricamento