Sapete perché si dice “Nun ce stanno né Ssante, né Mmaronne”?

L’espressione napoletana viene utilizzata per riferirsi a un soggetto talmente testardo che nessuno riuscirebbe a far ragionare

Perchè si dice “Nun ce stanno né ssante, né mmaronne”? A spiegarcelo è il libro “Come se penza a NNapule. 2500 modi di dire napoletani", commentati da Raffaele Bracale e a cura di Amedeo Colella.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Letteralmente significa “Non ci sono né santi, né Madonne (bastevoli a..)". Icastica espressione che in maniera più contenuta (in quanto rispettosamente chiama in causa solo i santi e/o la Vergine) richiama quella della lingua nazionale: non c’è barba di padreterno di analogo senso. Sia la locuzione napoletana che quella della lingua nazionale è riferita ad un soggetto pervicace, caparbio, testardo che nessuno, neppure se si trattasse dei santi o della Madonna e di un loro intervento, potrebbe far recedere da un incaponimento, un’ostinazione, una cocciutaggine, un puntiglio, un capriccio, una fisima quasi mai razionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

  • Coronavirus, due nuovi decessi in Campania: i nuovi casi tutti a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento