rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Musica

Napoli Opera House presenta American Songbook in Jazz con Sina Lewis e Francesco Marziani

Sabato 8 giugno, ore 19.30 villino Manina (vicoletto Cimarosa 5)

Quello che va in scena al villino Manina, sabato 8 giugno, dalle 19.30, è un appuntamento imperdibile per chi ama il genere: “American Songbook in Jazz” con due virtuosi come Sina Lewis e Francesco Marziani. È il penultimo appuntamento della seconda stagione di Napoli Opera House, un programma di concerti ideato dal cantante d’opera Luca De Lorenzo, iniziato a ottobre 2023, che ha coinvolto interpreti della lirica, del jazz e della musica d’autore contemporanea. Aperitivo ore 19.30, a seguire concerto in giardino.

Sina Lewis

Il notevole talento di Sina e la dedizione al suo mestiere la rendono un vero gioiello nel mondo della musica. La sua capacità di transizione senza soluzione di continuità tra generi diversi come arie d'opera e ballate jazz evidenzia la sua eccezionale versatilità. Questa versatilità non solo mette in mostra la sua gamma vocale, ma anche la sua profonda comprensione dei diversi stili musicali e la sua capacità di trasmettere emozioni attraverso un ampio spettro.

Ciò che distingue Sina è il suo impegno a fornire prestazioni che non sono solo musicalmente impressionanti, ma anche emotivamente risonanti. Il suo obiettivo di creare esperienze potenti ma vulnerabili per il suo pubblico parla della sua autenticità come artista. Questa autenticità le permette di entrare in contatto con gli ascoltatori a un livello profondo, lasciando spesso un impatto duraturo che va oltre la durata delle sue performance.

Avendo abbellito prestigiosi palchi come la Carnegie Hall, il Lincoln Center e la Metropolitan Room di New York, Sina ha dimostrato la sua capacità di attirare l'attenzione di un pubblico esigente. Questi luoghi hanno una ricca storia di ospitare artisti di livello mondiale, e l'inclusione di Sina tra loro riflette la sua statura come un esecutore di altissimo calibro.

Francesco Marziani

Dagli esordi della sua carriera e nonostante la giovane età, Francesco Paolo Marziani, dimostra uno spiccato talento pianistico, attraverso numerose collaborazioni in ambito concertistico e discografico. Piano City, Festival dei due laghi, Pomigliano jazz, sono solo alcuni dei festival nei quali prende parte in veste di pianista solista, o in varie formazioni tra le quali il “Francesco Marziani Trio”. Divide il palco con molti nomi del panorama musicale, anche internazionali tra i quali Jesse Davis, John Arnold, Flavio Boltro, Massimo Morriconi, Aldo Vigorito, Pietro Condorelli e altri.

L’intensa attività discografica, lo vede collaborare con molti artisti della scena jazzistica nazionale. Tre i suoi lavori discografici da solista: Jazz Ballads From Napoli, piano solo, 2015 (Icompany), In my own sweet way, Piano trio, 2008 (Philology records), Sweet, Piano trio, 2012 (Comar 23). È primo classificato in numerosi premi tra i quali: Premio Massimo Urbani (2008), Premio Jimmy Wood (2008), Premio Incroci Sonori, Baronissi Jazz (2006). Tiene in qualità di docente seminari e masterclass per pianisti jazz ed ensemble.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Napoli Opera House presenta American Songbook in Jazz con Sina Lewis e Francesco Marziani

NapoliToday è in caricamento