Giovedì, 23 Settembre 2021
Cultura

Un museo permanente per il presepe napoletano

Il Cardinale Sepe: "È il momento di far capire che tale realtà non è solo attrazione turistica ma detiene una simbologia importante, è la rappresentazione sacra della famiglia"

Un Museo permanente del presepe a Napoli. L'idea è del cardinale Crescenzio Sepe condivisa dal magistrato Ugo Ricciardi, la realizzazione e gestione della Fondazione Sant’Alfonso Maria de’ Liguri – Museo permanente del presepe napoletano.  Come ha spiegato lo stesso Sepe nelle scorse ore, "è assurdo che proprio la città partenopea, patria del presepe, non abbia un museo permanente. Ora è il momento di far capire che tale realtà non è solo attrazione turistica ma detiene una simbologia importante, è la rappresentazione sacra della famiglia".

Il Museo, con sede nella basilica di San Paolo Maggiore, dovrebbe vedere in futuro esposto il presepe che venne allestito in piazza San Pietro, a Natale del 2013, dal maestro napoletano Antonio Cantone e donato dalla diocesi di Napoli a Papa Francesco, il quale ha poi voluto donarlo alla stessa diocesi.

La Fondazione, nata dalla sinergia e dalla cooperazione tra la diocesi e alcuni esponenti della magistratura, intende essere un simbolo e uno stimolo per il recupero dei valori dell’arte, della cultura e della tradizione di cui è antica e consolidata espressione il presepe napoletano, da tramandare e affidare alle nuove generazioni.

Il Museo permanente, aperto tutto l’anno, ospiterà le più importanti opere di arte presepiale napoletana provenienti da tutto il mondo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un museo permanente per il presepe napoletano

NapoliToday è in caricamento