rotate-mobile
Venerdì, 1 Marzo 2024

Marcello, il jazzista napoletano che ha stregato New York

Dopo aver studiato a San Pietro a Maiella è volato oltreoceano per imparare dai più grandi musicisti viventi. Oggi, a 25 anni, suona nei principali club della Grande Mela ed è pronto per il suo primo album

"Io non suono musica napoletana, ma ne amo la melodia e credo che le mie origini siano state fondamentali per la mia carriera". Marcello Cardillo ha solo 25 anni e già tre vite da raccontare. Musicista, jazzista per la precisione, virtuoso della batteria, è partito alla conquista di New York, che per la musica jazz è come il Brasile per il calcio. 

La prima vita musicale di Marcello è quella vissuta dall'infanzia all'adolescenza. Ha preso le bacchette in mano a quattro anni, incuriosito dalla passione del padre. Contemporaneamente al liceo ha frequentato il conservatorio di San Pietro a Maiella, a Napoli. A 18 anni ha subito il richiamo della musica internazionale. 

Prima Amesterdam, poi New York. Nel mezzo, una miriade di collaborazioni che lo hanno fatto crescere umanamente e musicalmente. Senza mai dimenticare le sue origini. "Pino Daniele ha avuto una grande influenza su di me - racconta - ma c'è anche un altro aspetto dell'essere napoletano che mi aiuta: la capacità di sapersi sacrificare per raggiungere un obiettivo". 

E di obiettivi Marcello Cardillo ne ha diversi. Dopo aver suonato nei principali club della Grande Mela, nel 2023 uscirà il suo primo album, realizzato insieme ai colleghi della Manhattan School. 

Video popolari

Marcello, il jazzista napoletano che ha stregato New York

NapoliToday è in caricamento